Salta al contenuto principale

Fibrillazione Atriale: Il Prof. Nasso tra prevenzione e cura

di Giancarlo Falconi
2 minuti

La prevenzione è il salva vita.
Cuore e testa attraverso l'evoluzione della ricerca scientifica.
Che cosa hanno in comune l'aritmia, l'ictus, la fibrillazione atriale, aterosclerosi e l'infarto del miocardio?
Il probabile alto livello di omocisteina nel sangue.
L'omocisteina è un aminoacido.
Una piccola molecola che dovrebbe essere tenuta sotto controllo come il colesterolo.
Risente infatti di un corretto o sbagliato stile di vita.
L'iperomocisteinemia può in maniera silente danneggiare le pareti dei vasi sanguigni e favorire alcune malattie degenerative del sistema nervoso centrale come l'Alzheimer.
Un cardiochirurgo calabrese,  (Polistena),il Professor Giuseppe Nasso, ( direttore dell’Istituto Clinico Cardiologico di Roma e co-responsabile della cardiochirurgia e chirurgia vascolare dell’Anthea Hospital di Bari, strutture appartenenti a GVM Care & Research (gruppo fondato e presieduto da Ettore Sansavini),  ha giustificato, attraverso un completo studio empirico, nel corso degli anni della sua attività di scienziato, la tracciabile corrispondenza tra gli alti valori di omocisteina nel plasma con i casi di aritmia e fibrillazione atriale.

Un report complesso e con uno storico avanzato che dopo circa tre anni è divenuto una certezza clinica.
La dieta con l'uso di  vitamina B9, acido folico, frutta e verdure, una corretta attività sportiva  e una diminuzione del consumo di carne, potrebbe ricondurre i valori di omocisteina nella norma. ( Livelli di omocisteina normali nel plasma: 5-12 µ moli per litro).

La letteratura medica del dott Nasso sintetizza una profonda linea d'incontro tra gli alti valori ematici di omocisteina e la comparsa della fibrillazione atriale.
Una ricerca pubblicata per la prima volta sul Journal of Thoracic and Cardiovascular Surgery, è stata il tema di numerosi incontri e convegni medici in tutto il mondo.

La fibrillazione atriale può essere prevenuta e curata.

L'operazione è una ablazione epicardica trans toracica.

Un micro taglio di 2/3 cm, nella parete laterale del torace, da cui il chirurgo potrà raggiungere il segmento del cuore affetto da aritmia, regolandolo attraverso una tecnica di deconnnessione elettrica con una risoluzione del problema per il 96% dei pazienti. (www.iduepunti.it/zibaldone/21_maggio_2012/fibrillazione-atriale-il-prof-giuseppe-nasso-ha-salvato-mio-padre ).

ll Professore Nasso oltre al Modus operandi chirurgico, alla ricerca, unisce un diretto rapporto umano con i pazienti...perchè la malattia va curata a iniziare dallo stato d'animo.
La serenità e la fiducia come prima ricetta.

Contatti:
e-mail: gnasso@libero.it
sito internet: www.giuseppenasso.it

Commenta

Commenti

Potrebbe sostituire degnamente il grande Sandro Mazzola, il cardiochirugo dalle mani ed il bisturi) di fata che Giustino grembiulino lo fece scappare, forse perché era troppo bravo per noi! ....il chirurgo che mi salvò la vita! CERVELLO E BISTURI felicemente in fuga.......enchante'
Una persona unica non solo da un punto di vista professionale ma anche umano, per quanto vi possa sembrare assurdo vi tratterà come un suo "caro" , noi gli vogliamo veramente bene.
Un virtuoso in sala operatoria . Coraggio unito a intelligenza,estrema abilita' e modestia ne fanno un personaggio unico. Cosa ha di speciale Giuseppe Nasso? Una tecnica eccelsa, e' capace di operare per ore e ore e le sue mani si muovono come se suonasse il piano. Cosa ha ancora di speciale Giuseppe Nasso? Il grande senso di umanita' e altruismo. Grazie Professore per tutte le vite salvate.
Il prof. Nasso G. è una straordinaria persona, vanto e orgoglio della nostra splendida Calabria, ridondante di virtù umane e cristiane ed eccellente scienziato nell' "ars medica" della cardiochirurgia, di fama internazionale. Grazie di.... cuore per il continuo e grande bene che fai e Iddio benedica e protegga, sempre e ovunque, te e la tua famiglia!
Il prof. Nasso è un medico sui generis, prima di esserlo ti mette a tuo agio. Il rapporto tra il paziente e lui è improntato sull'amicizia. Nulla ha a che dividere con gli scienziati - baroni. La sua gentilezza e disponibilità è pari alla sua preparazione scientifica di altissimo livello. Io sono in cura da lui ma ogni volta non davo dal cardiochirurgo, vado a trovare un amico. Cose rarissime di questi tempi!
Carissimo prof. vogliamo dire a tutti che sei veramente unico,straordinario come uomo e come professionista,ti auguriamo che le cose vadano come vorra' il tuo cuore per te e per la tua famiglia....ancora grazie per quello che hai fatto per noi. Che dio ti benedica