Salta al contenuto principale

Paolo Tancredi appoggia Paolo Gatti a sindaco di Teramo e critica la Giunta D'Alberto...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Paolo Tancredi appoggerà l'eventuale candidatura di Paolo Gatti a Sindaco di Teramo.
L'ex senatore del Popolo delle Libertà  critica l'Amministrazione D'Alberto rea di essere inconcludente e apre le porte a una coalizione forte per far tornare il centro destra e il civismo liberale ad Amministrare Teramo Capoluogo.https://www.youtube.com/watch?v=-lw1pt-Mh-s
 

Commenta

Commenti

Torniamo ai figli dei ccdd padri Nobili di questa città che hanno fatto un male secolare ..... speriamo di no

"Il cambiamento politico. Altri pastori, altri cani, le stesse pecore."

VALERIU BUTULESCU
Poeta rumeno contemporaneo

Comunque a Teramo girano sempre u stessi nomi soprattutto di storiche famiglie teramane che hanno sempre governato questa città e guarda dove l'anno portata.... la giunta D'Alberto sarà anche come dite voi ma almeno qualcosa stanno facendo per questa città...un passo alla volta....e poi gatti non era colui che aveva lasciato la politica attiva??? O sbaglio?

Preferiamo i gatti conosciuti, ai sorci parvenue

Finalmente dei nomi nuovi: Tancredi e Gatti
La città attendeva queste facce nuove e questo ricambio totale da decenni.
W il nuovo che avanza!

Il GATTI e la.VOLPE.....

Si si, rivogliamo pure le assessorine.

Paolo Gatti sindaco?
Allora teniamoci stretto il pessimo D'Alberto.

Oddio ancora questi ...un incubo ricorrente...

Il nuovo che avanza.

Il vecchio stadio. La futurista viabilita' evidenziata dall'insignificante semicerchio stradale che conduce a Roma ed al mare. Lo squallore di Colleparco. La cementificazione selvaggia di coste S. Agostino. L'orribile sede universitaria. Tutte queste bellezze teramane portano la firma di grandi "stupratori politici" noti ed arcinoti. Forse ci sono altre schifezze da costruire? Viste le deboli forze della sinistra, venghino signori.. prego si facciano avanti.. figli e nipoti dei "grandi stupratori". Il popolo aspetta con ansia. Vediamo se c'e' un limite alla "Grande Schifezza"