Salta al contenuto principale

La scuola teramana e i tanti dubbi su tamponi e contagi...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Il nuovo protocollo per il vecchio protocollo.
Mentre a Roma i presidi scrivono per le diverse applicazioni delle asl di riferimento a Teramo, i genitori sono assaliti da tanti dubbi sanitari.
Molti ragionevoli.
Leggete questo messaggio arrivato Giovedì 18 Novembre " 

Mio figlio frequenta xxxxxxxxx a causa di una ragazza/o positivo/a ( può capitare a tutti) , da lunedì scorso tutta la classe è in dad.
Martedì mattina hanno effettuato un tampone.
Sabato mattina ne è previsto un secondo ma la Asl ha mandato tanto di comunicazione alla dirigente e al sindaco che domani intanto i ragazzi devono rientrare.
Ora mi chiedo e dico, ma che senso ha allora il secondo tampone sabato ?
E poi nel malaugurato caso che ci sia un positivo risultato negativo al primo tampone , e contagera' altri , di chi sarà a quel punto la responsabilità ?".


Appunto chi risponde?

Commenta

Commenti

i genitori sono la rovina della scuola e dei figli....

Concordo con anonimo...

Risponde la Nota prot. 1218 emessa dal MIUR in data 6.11.21 "Indicazioni per l’individuazione e la gestione dei contatti di casi di infezione da SARS-CoV-2 in ambito scolastico", con relativa nota tecnica esplicativa, che, al luce di quanto descritto dal genitore di cui sopra, è stata applicata da scuola e Asl.