Salta al contenuto principale

Delocalizzazione della Centrale Elettrica della Cona. La società ammette che i Cavi interferiscono con la via Sacra....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Noi continueremo a leggere i documenti ufficiali di quello che riteniamo una finta e assurda delocalizzazione della Centrale Elettrica  a discapito della collettività teramana e dei residenti del quartiere Cona.
Tanti dubbi.
Il cavidotto è deviato giù per la strada che conduce al parco fluviale. Il fiume? Che fine avrebbe fatto?
Guardate in galleria.
Nella Documentazione  Integrativa Volontaria che la società sta producendo (tutte con data del 13 giugno 2022) per insistere e non abbandonare il progetto assurdo (e gratuito) della finta delocalizzazione della Centrale Cona!
Pagina 35 che troverete in galleria c'è una sorta di confessione.
" Da quanto esposto nella presente relazione preliminare, si evince che la parte in cavo prevista 
 negli elaborati progettuali interferisce con le presenze archeologiche della cosiddetta Via Sacra..
."

 

Bisognerebbe coinvolgere anche  il pronto intervento dell'assessore alla Cultura del Comune di Teramo.
Senza più parole. 
Carta CAnta...

Commenta

Commenti

Ormai a teramo ognuno fa clme vuole....la centrale ekettrica interrara? Una presa in giro mostruosa

Che disastro!! Un progetto assurdo...varianti su varianti, tutti sordi alle proteste dei cittadini. Amministrazione comunale ti aspettiamo alle prossime elezioni per cacciarti a pedate elettorali.

Invece di valorizzare il quartiere, quindi l'intera città di Teramo, perchè il quartiere Cona rappresenta l'ingresso alla città (non a caso i nostri antenati hanno ivi edificato la Chiesa Madonna della Cona da collegarsi al culto per la Madanna delle Grazie, che sorge vicino Porta Reale-ingresso dell'antica Interamnia) lo si vuole condannare ad avere per sempre la Centrale... e poi parlano di ambiente, di verde ecc ecc. VERGOGNATEVI!!!

Che fine ha fatto il progetto del verde attrezzato da realizzare alla Cona togliendo la Centrale e capannoni vari? Inganni su inganni...con la scusa della delocalizzazione (FINTA!) spendono soldi pubblici.....La piazza da realizzare è soltanto un contentino, fumo negli occhi, una scusa per coprire lo scempio (ma nulla si nasconde ...con la siepe... ).

PER UNA VIA SACRA UN CAVO SACRO

Spegnete i condizionatori per protesta!