Salta al contenuto principale

Teramo: Fronda interna chiede un rimpasto della Giunta D'Alberto...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La maggioranza D'Alberto non vacilla ma assume la consapevolezza di essere di fronte a un bivio di esperienza e capacità.
Possono dei Primilavoristi avere la responsabilità di scelte dall'alto valore urbanistico, sociale ed economico?
La lentezza amministrativa; i tentennamenti del sindaco D'Alberto; chiamato Gazzosa dal senatore D'Alfonso; l'incapacità dimostrata di non essere capaci di costruire una Cittadella della Ricostruzione; di non aprire anche un solo cantiere; di aver abbandonato il Palazzo di Città e di andare solo alla ricerca di autoscatti e like, rappresentano una piccola sintesi della verità dei fatti. 
Teramo ha bisogno di essere pronta per tutti i fondi che una Città Capoluogo ha la responsabilità di meritare e di saper spendere.

Chi sarà il primo assessore a cadere?
Andrea Core, ovviamente che ha avuto l'occasione di dimettersi con mille scuse, buone intenzioni e ora sarà dimesso.
Chi sarà il secondo?
Nessun problema, basterà scegliere qualcuno tra i primilavoristi.
Chi entrerà in Giunta?
L'avv. Speca è dato per uno dei papabili.  
Questa è la politica bellezza di una Stampa...


 

Commenta

Commenti

interessa solo lo stipendio da assessore....non vedo fenomeni.....

“Chiamato Gazzosa dal senatore D’Alfonso”.
Che classe, che stile, che saporaccio.

Per un rimpasto ci vuole il materiale di qualità ....troppo lento/a la macchina che impasta.....

Sai ieri cosa diceva un tale per teramo (nel privato poi ti dico chi) che Falconi si muove come un FROCIO. Io ho cominciato a ripeterlo ad altri, che mi frega, tanto mica l'avevo detto io!!!
Buon pomeriggio Gassossa

Il commento dell' Ing. Scalone, uomo storico della sinistra teramana, capogruppo anche in consiglio comunale, rappresenta l'esatta sintesi di un momento di infelicità, nervosismo e volgarità.
Ogni giorno sono costretto a non leggere i suoi post che sono direttamente indirizzati nello spam dove meritano di sostare..
Questo che vi offro ha destato in chi li seleziona sgomento e turbamento.
Ovviamente, ci dissociamo da una violenza verbale che rappresenta solo l'ing Scalone nell'esporre storie ed aneddoti della sua vita quotidiana.

Giancarlo FAlconi 
 

La violenza verbale esprime bene la pochezza di chi senza alcun motivo né giustificazione la utilizza.
Ho votato D'Alberto perché lo ritengo una ottima persona, ma non avrei mai immaginato che avesse intorno tutto questo corollario.

Prima di tutti sarebbe da rimpasto il sindaco.

Nel ribadire il pieno sostegno alla Giunta del Sindaco Gianguido D'Alberto, a nome del Partito Democratico provinciale, in qualità di Presidente dell'Assemblea, porgo le mie scuse al giornalista Giancarlo Falconi per le frasi espresse dall'Ing. Scalone nei suoi confronti.
Il Partito Democratico Provinciale prende le distanze da espressioni utilizzate con finalità di ledere l'identità personale o la libertà di espressione.
La nostra Comunità, fatta di circa 1700 persone in questa provincia, è abituata al confronto, anche acceso e appassionato, ma sempre caratterizzato dal rispetto nei confronti di tutti.