Salta al contenuto principale

Jova Beach Party a Vasto, le inequivocabili foto prima e dopo i lavori a Fosso Marino: Ginestrino delle Spiagge addio. Regione Abruzzo conferma l'esistenza dell'obbligo di spostare il palco in base alle norme europee sulla tutela dei siti Natura2000 e ch

di Giancarlo Falconi
3 minuti

Ginestrino delle Spiagge addio: i lavori di questi mesi a fosso Marino, dove ora si svolgerà il Jova Beach Party come previsto hanno portato alla completa distruzione della vegetazione naturale presente, ad esempio il Ginestrino delle Spiagge. 

Sono piante degli ambienti dunali sempre più localizzate lungo la costa abruzzese, tanto che pure il consulente del Comune di Vasto riteneva doveroso conservarle come scriveva a marzo 2022 nella sua relazione sui lavori a Fosso Marino. 

Alle molte chiacchiere su questo evento, alle iperboli, agli insulti verso chi si schiera dalla parte dell'ambiente, alle pretese di aver scelto i siti in maniera "rigorosa", con il prefetto di Chieti che svolse un sopralluogo a Fosso Marino per il Jova Beach Party addirittura nell'estate 2021 dando pure indicazioni su come intervenire, noi replichiamo con immagini inequivocabili che abbiamo raccolto tra marzo, prima dei lavori su Fosso Marino, e dopo, in questi giorni. 

Altrettanto indiscutibile la posizione della Regione Abruzzo che con una nota dello scorso 12 agosto ha scritto ai Carabinieri Forestali chiedendo di sorvegliare sul rispetto delle indicazioni imposte per la tutela del vicino Sito di Interesse Comunitario delle dune di Marina di Vasto attraverso la procedura di Valutazione di Incidenza Ambientale. Tra queste, quella di spostare il palco montandolo in modo da "dare le spalle" alle dune per limitare il disturbo alla fauna protetta delle emissioni sonore e luminose del mega-evento. 

Il Prefetto di Chieti Forgione, non competente in materia di Valutazione di Incidenza Ambientale, aveva però già annunciato al TGR che questa chiara e logica indicazione, imposta sulla base di normative europee e dell'analisi tecnica degli stessi consulenti del Comune di Vasto, poteva essere superata. 

Cosa aggiungere davanti a questa situazione incredibile, dove si va avanti perché l'evento si deve fare, come ha ribadito il Prefetto? Con il piccolo particolare di rischiare di far aprire una procedura d'infrazione comunitaria all'Italia per il mancato rispetto delle normative sulla tutela dei siti naturalisticamente più importanti d'Europa. Per un concerto di un privato e addirittura con un enorme impiego di denaro e risorse pubbliche!  

I dirigenti della Regione Abruzzo sanno benissimo cosa è accaduto in questi anni sul tema, con la Commissione che ha aperto una pre-procedura d'infrazione costringendo le regioni a recuperare decenni di inerzia sull'applicazione della Direttiva "Habitat". Ci chiediamo a questo punto cosa pensa il Ministero della Transizione Ecologica di questa situazione.

Per parte nostra abbiamo avviato stamattina un accesso agli atti a tutti gli enti a vario titolo coinvolti.

Il Prefetto di Chieti Forgione qualche giorno fa ha dichiarato a un giornale locale che in caso di problemi ambientali lui si sarebbe erto a "primo paladino dell'ambiente". 

Non sappiamo se l'ormai "fu" Ginestrino delle Spiagge avesse riposto fiducia nelle intenzioni delle istituzioni.

--------------------------------------------------------------------------------------------

LIPU Abruzzo

Stazione Ornitologica Abruzzese

Gruppo Fratino Vasto

FORUM AMBIENTALISTA  ODV

FORUM H2O

ITALIA NOSTRA ABRUZZO

CAI ABRUZZO

FORUM CIVICO ECOLOGISTA VASTO

ARCI VASTO

Commenta

Commenti

Al lido di Fermo hanno spianato una spiaggia dove c’erano dune !!! Permettere questi concerti sulle spiagge è da pazzi !!!!
E poi chi ne trae benefici economici è solo il cantante ……. BASTA

però il Jova beve l'acqua nelle bottiglie di vetro fratelli peaceeee

C'è da aggiungere che la Regione Abruzzo ha stanziato ben 120.000 euro di denaro pubblico per questo evento a Vasto, notizia riportata il 7 Agosto scorso su vari siti giornalistici locali dando un'immagine ulteriormente contraddittoria del suo operato. Jovanotti dovrebbe riflettere profondamente come cittadino del mondo e ad agire coerentemente con sé stesso, visto il suo percorso artistico che l'ha portato a prendere coscienza e consapevolezza del suo ruolo pubblico in campo ambientale altrimenti sarà vittima del suo ego che potrebbe portarlo a lungo andare ad appannare la sua immagine.

Due pesi, due misure, come sempre.
Siamo in Italia.