Salta al contenuto principale

"I preferiti" di D'Alberto chiedono la testa di Valdo Di Bonaventura e Piergiorgio Passerini...

di Giancarlo Falconi
3 minuti

Quando abbiamo chiesto le dimissioni dell'ass. alla Pubblica Istruzione e Cultura e Personale e varie ed eventuali, al comune di Teramo, Andrea Core, il sindaco D'Alberto fece spallucce.
Ricordiamo il solito modus operandi.
Quando abbiamo ribadito che 120 mila euro in comunicazione sono eccessivi per l'ultimo anno della Giunta teramana, il sindaco D'Alberto fece spallucce.
Quando abbiamo sottolineato che la Cultura a Teramo è senza visione ed "educazione" Istituzionale, il sindaco D'Alberto fece spallucce.
Quando le sigle sindacali hanno denunciato il comune di Teramo per presunto comportamento anti sindacale, il sindaco D'Alberto fece spallucce.
Quando il comune di Teramo ha stanziato diecimila euro per difendersi con mandato a noto e valente professionista, il sindaco D'Alberto sulle PEO ( chissà se a suo tempo lui come funzionario regionale ne fece richiesta??????????????) avrebbe potuto con quei soldi chiudere la partita ma fece spallucce. 
Quando Valdo Di Bonaventura e Piergiorgio Passerini hanno osato difendere PAolo DI Sabatino, i due preferiti hanno fatto spallucce insieme al sindaco D'Alberto. 
Le teste cadranno da sole perchè non coronate mentre Valdo da solo ha più voti di Core, Filipponi e D'Alberto consigliere.
Chissà se ora dopo le remissioni delle deleghe da parte dei consiglieri Speca e Di Sabatino qualcuno avrà il coraggio di mettere in dubbio Core e Filipponi saliti da baronetti rampanti su di un cespuglio che hanno scambiato per una quercia?
Altrimenti, a far spallucce, molto presto saranno i teramani. 
Vedrete quanto fa male scendere da un albero...?


Comunicato stampa Teramo Vive




 

Nel considerare forse eccessiva l'azione del nostro Consigliere Paolo Di Sabatino, che ha rimesso la delega agli eventi musicali che il Sindaco gli aveva affidato, il gruppo di Teramo Vive intende, tuttavia, solidarizzare con il suo malcontento, probabilmente cresciuto nel tempo ed espresso in un momento politico complesso, ma sostenuto da basi certamente credibili. Paolo Di Sabatino, prima che Consigliere comunale, è un affermato professionista della musica riconosciuto e apprezzato a livello internazionale che ha messo al servizio della maggioranza di governo del Comune di Teramo le sue capacità, le sue doti artistiche e le sue conoscenze in un settore che in questa città era completamento abbandonato, come molti altri del resto, prima dell'affermazione di questo schieramento e dalla volontà, come si è detto molte volte in questi anni, di “ripartire dalla cultura”.

Ma non possiamo che condividere Paolo Di Sabatino quando afferma che, se ripartire dalla cultura significa lavorare al fianco di chi fu già artefice dello sfacelo della passata amministrazione, allora lui non può essere partecipe; se affidargli la delega in un settore significa dare un contentino politico (di cui non crediamo abbia bisogno) senza che a questa delega ci si riferisca, facendo scelte e prendendo decisioni altrove senza relazionarsi in alcun modo al Consigliere delegato, allora è l'azione di governo ad essere in difetto; se, infine, si preferisce riferirsi a figure di scarsa o dubbia competenza, quantomeno rispetto allo spessore culturale di Paolo Di Sabatino, allora è la sua professionalità ad essere umiliata e offesa.

Non possiamo quindi che sostenerlo e condividerlo nella sua scelta, in perfetta coerenza con l'uomo Paolo e col Maestro Di Sabatino, considerando un po' strana, alla luce dei comportamenti descritti, la definizione di “ripartire dalla cultura e dalle competenze” e ritenendo che l'azione di governo, all'interno della nostra maggioranza, debba essere più collaborativa e nella condivisione che, come gruppo, abbiamo sempre espresso.

Lista civica Teramo Vive

Valdo Di Bonaventura

Piergiorgio Passerini

Commenta

Commenti

Facile parlare....amministrare è difficile.

Tra un anno tutto finirà ennesima giunta da dimenticare ennesima la citta ferma e il tempo passa

Ma cosa ne pensa il Cavalier Avvocato Enea Silvio Carrega ?