Salta al contenuto principale

Riunione per il nuovo Ospedale di Teramo. Di chi sono i terreni a Piano D'Accio? Quanto costa la progettazione e il computo della direzione dei lavori?

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Un memorandum a tutti i gentili rappresentanti dei cittadini della provincia di Teramo, ai consiglieri regionali e ai vertici dell'asl di Teramo e per conoscenza, all'ass. regionale alla Sanità, Nicoletta Verì.
Dietro il comitato a difesa dell'Ospedale Mazzini ci sono diecimila firme.
Il giusto peso delle parole e di un democratico confronto.
Questo pomeriggio la sala Fagnano dell'asl di Teramo ha ospitato un consesso importante e di valore. 
Il presente e futuro del nuovo ospedale Mazzini. 
Giochi di ipotesi.
Una riunione strategica dove i numeri tra cassa depositi e prestiti per il tutto pubblico e un mutuo a future generazioni; tra un futuro project financing con un cifra adeguata per il privato; tra i tempi che di ottimismo a nostro avviso toccheranno altre due legislature regionali; ci sembra giusto ricordare che nel frattempo i pazienti teramani stanno attendendo una Pet promessa da quando esiste il cancro; una rianimazione neonatale; la risonanza magnetica a Giulianova; nuove assunzioni e le indennità covid per gli operatori sanitari.
Prima di parlare, prima di sentirsi autorizzati solo a discorrere su di un nuovo ospedale; prima di consegnare le carte e i progetti dell'area ex Mazzini, prima di tutto, la politica teramana deve pensare a una nuova sanità fatta di eccellenze e umanizzazione.
Ci vuole tecnologia; ci vogliono sale di rianimazione; Anestesisti; ci vuole personale; ci vuole una nuova visione con al centro l'uomo e l'accesso alla giusta cura.
Ci vuole il contenuto e non il contenitore. 
https://www.youtube.com/watch?v=Ew4s7pFKcNs
 

Commenta

Commenti

Giusto per una volta sono totalmente d'accordo con Falconi. Però ho dei dubbi sul fatto che ascoltino i cittadini...oramai sono in tranche agonistica

Una scelta così importante e così costosa non può essere presa da 4 o 7 persone.
Democrazia vuole che siano i cittadini ad esprimersi, anche perché i tempi e i costi ricadranno sulle prossime generazioni, non su personaggi di una certa età come Di Giosia o Verì.

Tutti insieme appassionatamente per la Nuova Isola della Salute.....umida!
Tavola bandita, elegantemente disposta per un pranzo sontuoso, senza limiti di tempo (a tavola non si invecchia).
Per i CITTADINI?.......UN INTERMINABILE DISCORSO UFFICIALE!
E io tra di voi
Aznavour