Salta al contenuto principale

Sla: Ci legheremo davanti alla Prefettura....altro sciopero della fame

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Il comitato "Ora Basta" torna in un agosto senza politica e amministrazione per protestare contro la prigionia di Liliana Serafini.
Non parliamo di destra o sinistra, centro o sud.
Non è una questione di ideologia ma di uomini.
Gianni Chiodi e la sua Giunta valgono Luciano D'Alfonso e la sua Giunta.
Nessuno si è fatto sentire.
Nessuno ha accettato l'invito di prendere un caffè a casa di Liliana, malata di sla e impossibilitata a uscire di casa, insieme a tanti disabili al 100%... perchè il palazzo Ater è privo di ascensore.
Perchè molti palazzi ater sono privi di ascensore.
Perchè esiste la legge contro l'abbattimento delle barriere architettoniche.
Già la legge...quella sconosciuta.
Che fine ha fatto la pratica?
Dove è stata imbucata?
In quale ufficio regionale è defunta?

Non è una questione di politica ma di uomini.
Tonino si lascerà morire di stenti legato a una corda di fronte alla Prefettura.
Noi con lui.
Interessa a qualcuno?
A noi si.
A Domenico, a Giovanni, a Sergio, a Graziella, a Manuela, A Marialuisa, a Rino, a Giancarlo, ai suoi amici, a chi ha fatto del bene, a chi ha sempre dimostrato di essere un uomo gentile, onesto, innamorato.
Liliana è colpevole di essere malata di Sla.
Una colpa in questa Italia di bacia pile senza fede e coscienza.

Noi dal Prefetto.
La nostra ultima speranza.
In silenzio. 
Senza disturbare nessuno.
Non è una questione di D'Alfonso o Chiodi....è una questione di uomini veri. 

 

I due servizi sono dal minuto 2 e 30 sec.
 

Commenta

Commenti

giancà, invita il sindaco a farsi il gavettone; però prima deve risolvere il problema dell'ascensore.
Vi ricordate la barzelletta dell'autostrada con le corsie che dovevano esserci ma non c'erano?.... Così è l'ATER con l'ascensore..... ci dovrebbe essere ma non c'è!!!!
Ditemi dove e quando,io sarò li, sono stata in casa con quella splendida famiglia che nonostante il dolore,l'amore ed il rispetto sono tangibili.Ma chi dovrebbe governare,chi dovrebbe aiutare dov'è?il sindaco?il vescovo?i nostri amministratori?ora basta. Tonino e liliana e domenico vi voglio bene,perdonatemi se non ci sono stata sempre. Al vostro fianco Lella
ho interessato il Presidente Luciano D'Alfonso del problema, quasi sicuramente domani sara' a Teramo per occuparsi in prima persona della questiione. Non c'e' piu' tempo da perdere, e" ora che le Istituzioni preposte diano risposte, piu' che le doccie gelate servono fatti concreti, se non dovesse esserci attenzione e risposte vere anch'io aderiro' allo sciopero della fame. Valdo Di Bonaventura
Quando? Un abbraccio
Valdo, spero che domani il "quasi" scomparirà e che saranno date garanzie per la soluzione urgente del problema. Se le secchiate di acqua gelata servono a far discutere e affrontare le drammatiche problematiche dei malati di Sla, ben vengano. Avrebbero più risonanza mediatica se venissero versate addosso, "involontariamente" s'intende, ai nominati e da nominare... ma c'è sempre tempo se si rendesse necessario. Riguardo a Renzi, mi auguro che il gavettone di acqua gelata gli possa aver fatto ricordare di essere lui il primo a dover cercare, trovare e proporre soluzioni.
Mandate subito un paio di operai a costruire l'ascensore per Liliana e tutte le Liliana esistenti e per favore, politici, restate nelle vostre case. Quello e' un, anzi IL, vostro dovere ! Le Liliana di questo mondo hanno bisogno di amore. Non sono uno spot pubblicitario...
buongiorno purtroppo non ho impresa che lavora per comune di teramo e con la mia attività in crisi non posso permettermi nulla.....pero mi sarei aspettato, da tante imprese teramane che prendono appalti al comune provincia ecc ecc che vanno in giro con macchine importanti e addirittura anche uguali , una offerta a costruire l'ascensore per la signora Liliana. sarebbe stato un gesto di vera umanità.....