Salta al contenuto principale

Ospedale Mazzini. Umanizzazione? L'Ispezione del consigliere Sandro Mariani riporta l'aria condizionata all'Utic. Ecco la verità!!!

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Sarà una serie infinita di coincidenze.
I Due Punti ricevono una lunga sequenza di segnalazioni da parte di ricoverati e famigliari al terzo piano, secondo lotto, Utic dell'Ospedale Mazzini di Teramo.
Giorni di inferno per persone sottoposte ad operazioni chirurgiche al cuore che non riescono a riposare per il caldo bollente dei reparti.
L'impianto di climatizzazione non funziona. 
Altro che umanizzazione, la disumanizzazione aveva risolto con l'uso di un ventilatore.
Il genio.
Arica calda al quadrato.
 
Scriviamo il primo articolo e siamo immediatamente contattati dal consigliere regionale, Sandro Mariani, raggiunto anche lui da molte proteste e preoccupazioni.
Scriviamo un secondo articolo mentre il consigliere regionale di Minoranza-Mariani, gli altri del territorio tra assessori e consiglieri di maggioranza risulteranno assenti, scrive una lettera alla direzione generale dell'asl di Teramo, annunciando una sua ispezione.
IL giorno dopo, il miracolo.
Ogni stanza avrà montato un climatizzatore portatile.
L'asl di Teramo ha anche la faccia tosta di rilasciare una dichiarazione nella quale si mimava di aver risolto la complicazione impiantistica.
Una specie di pinguino in attesa della riparazione di tutto il sistema. ( ringraziamo alcuni parenti dei pazienti per la foto).
Perchè c'era bisogno di un giornalista di strada per sollevare la questione?
Perchè c'è stato bisogno di un consigliere regionale che conosce la sue gente e il suo territorio per risolvere la problematica?
Chi avrebbe dovuto d'ufficio sollevare l'urgenza?
LO sapete che significa Umanizzazione?
Mettersi nei panni di chi soffre, di chi rappresenta una missione di vita.
In questo caso, gli unici a sudare, erano i pazienti.

Guardate e ascoltate questo video verità...https://www.youtube.com/watch?v=tky_XRjTVUU


 

Commenta

Commenti

ALMENO........

Ogni tanto una boccata d’aria fresca