Salta al contenuto principale

Nuovo Ospedale di Teramo. Assente il sindaco di Teramo mentre è paralisi sanitaria...

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Tutto come previsto.
Tutto come abbiamo sempre anticipato ma scriveremo tanto altro e vi faremo leggere alcuni documenti da cambiare le famose carte sul tavolo.
A noi interessa la programmazione sanitaria del presente.
Interessano le operazioni; la prevenzione delle malattie oncologiche; Cardiologiche; le sale di rianimazione; la Pet; la rianimazione neonatale; le nuove risonanze magnetiche; le assunzioni del personale sanitario; il pagamento delle indennità covid; l'umanizzazione della rete ospedaliera.
A noi interessa il parere del sindaco D'Alberto che continua a non parlare del nuovo ospedale di Teramo e dell'area di Piano D'Accio; ci interessa la lettura dei consiglieri comunali di Teramo e della Giunta D'Aberto.
Tutti non invitati nell'ultimo vertice Asl/Regione Abruzzo a Teramo per parlare di Teramo e del nuovo ospedale di Teramo.
Tutti zitti. A Testa bassa. 
Assurdo. 
Ricordo ai vertici regionali e ai vertici dell'asl di Teramo che Piano D'Accio è nel comune di Teramo e che il Capoluogo ha un consiglio comunale che sarà chiamato a valutare.

Nel frattempo è paralisi ospedaliera in Tutta Italia.

Leggiamo.

"Le operazioni «saltano» e inevitabilmente continuano ad allungarsi le liste d’attesa, che si sperava invece di sfoltire. Questa è quella che il presidente della Società Italiana di Chirurgia (SIC), Francesco Basile, chiama «l’altra faccia del Covid», un pesantissimo effetto collaterale della pandemia e dell’esitazione dei No vax che rappresentano la maggioranza delle persone che finiscono in ospedale per Covi-19. «Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri in elezione, terapie intensive riconvertite per i pazienti Covid, infermieri e anestesisti delle sale operatorie trasferiti ai reparti Covid. In questo modo - riferisce Basile - l’attività chirurgica in tutta Italia è stata ridotta tra il 50 e l’80%, riservando ai soli pazienti oncologici e di urgenza gli interventi. Ma spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore perché non si ha la disponibilità del posto di terapia intensiva nel postoperatorio». Un brutto film già visto. «Ci avviamo verso la stessa situazione del 2020 - dice il presidente della SIC - che ha portato come conseguenza 400.000 interventi chirurgici rinviati, notevole aumento del numero dei pazienti in lista di attesa e, ciò che è più pesante, si è assistito all’aggravamento delle patologie tumorali che spesso sono giunte nei mesi successivi in ospedale ormai inoperabili». ( Il Messaggero).

Non vi sembra un argomento più urgente del nuovo ospedale che avrà bisogno di almeno dieci anni di Italica Maniera?

Commenta

Commenti

PICCOLA POLITICA, GRANDI AFFARI, ovvero la RETORICA DEL FARE!
E già, il Loro motto è "FARE", se poi è sbagliato.....COSÌ SIA !
Questa, purtroppo, è la politica dei grandi affari, dai contorni oscuri & molto lontana dalla GENTE.
Il nostro Sindaco è silente, forse perché non condivide la scellerata iniziativa e teme lo scontro, con i presunti " padroni del vapore ", quando, in realtà, i veri padroni sono i Cittadini di Teramo!
Ristrutturare l'esistente soleggiato Mazzini,
non è FARE, ma FARE BENE!
Allons Enfants
Aznavour

Sinceri complimenti Dott. Falconi. Questa attività di giornalismo, a tutti gli effetti investigativo, costituisce un autentico servizio pubblico. Un’attività dall’alto valore culturale e sociale, per provare concretamente a migliorare la qualità della vita in questa provincia.

ma ci vuole tanto a riaprire ospedali chiusi o quasi??

......... ..Perche'teramo ce l ha un sindaco????🐦😉

Ben detto!! Si pensi alla qualità del servizio sanitario!! Alla formazione e assunzione di medici, infermieri ed il personale di cui c'è bisogno!!

SI PUÒ FARE!!!! BASTA VOLERLO SCURA POLITICA TERAMANA. NO AD INTERESSI PROPRI MA DEI CITTADINI..... Ristrutturare e ampliare il grande mostro di Villa Mosca, già esistente ospedale Mazzini, è il massimo da fare e farlo Bene, insieme a medici di valore! Questo desidera il popolo teramano. NO A UN
NUOVO OSPEDALE!!!!!!

intanto per una visita 3 mesi di attesa minimo....basta far funzionare meglio quello che c'è.. un mese di fila andrebbe già meglio.....

Plaudo a Paola😉🌟😉👏👏👏

....ma plaudo anche a Noemi ed Arturo👍👏👍👏👍👏