Salta al contenuto principale
|

Video. Muore nel 2020 quando non c'era il vaccino Covid. L'agenzia delle Entrate gli scrive per multarlo di 100 euro...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Fermiamoci.
Fermiamoci un attimo e scendiamo da questa folle giostra.
Immaginate questo fatto di cronaca che vede protagonista un figlio e un padre, una famiglia di Teramo, una famiglia italiana.
Marzo 2020 Alfiero Di Domenico di 67 anni si ammala di covid.
Viene ricoverato a Teramo il 31 Marzo.
Il 1 Aprile trasferito nell'Ospedale Covid di Atri.
Inizia una infinita serie di videochiamate con il figlio Osea.
Sono giorni importanti perchè sta per arrivare il secondo nipotino che si chiamerà Alfiero.
Le condizioni di Alfiero peggiorano giorno dopo giorno.
Il 26 Aprile, dopo essere stato intubato il 20 Aprile,  morirà senza avere la possibilità di salutare Domenico per l'ultima volta e conoscere il piccolo Alfiero junior.

Dopo oltre due anni arriva una raccomandata che racconta un'altra Italia. 
Il 1 Luglio 2022 arriva una raccomandata al defunto Alfiero Di Domenico.
Scrive l'Agenzia delle Entrate comunicando l'avvio di un procedimento sanzionatorio di 100 euro perchè il Signor. Alfiero Di Domenico non si sarebbe sottoposto alla prima dose di vaccino.
Che cosa aggiungere?
Forse che in quel periodo non c'era il vaccino anti covid e che Alfiero ci ha salutato il 26 Aprile del 2020?

Ascoltate Osea Di Domenico....https://www.youtube.com/watch?v=Uhrxmfw5QDo&t=1s

 

https://www.youtube.com/watch?v=Uhrxmfw5QDo&t=1s

Commenta

Commenti

Già la multa nel 2022 per una cosa del genere e’ immorale -non solo incostituzionale- e dimostra che siamo un ex paese
Poi coi nostri database da Russia 1980 che ti aspetti?

Punto primo: quando dici "...che racconta un'altra Italia...", a me pare la stessa schifosa Italia.
Punto secondo: il dramma è, più in generale, uno stato che ti multa se non ti sottoponi ad un trattamento sanitario.
Solo a me sembra follia? No, a molti, presto a tutti. Spero presto.