Salta al contenuto principale

Asl di Teramo: Il nostro grazie a un medico speciale....

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Non racconterò degli altri dottori, quelli che al posto del cuore hanno un buco nero e trattano i malati come pesi da scaricare, senza tenere conto delle piaghe del cuore e del corpo che si porta dietro una malattia grave.

Né di quelli che "dimenticano" le medicazioni, le indicazioni di cura, il buon senso e sanno solo accusare i familiari, spaesati di fronte alla sofferenza, ricordando che l'ospedale non è un parcheggio. Non racconterò di quei medici che di fronte a richieste esplicite parlano di morale, dignità e efficenza mentre ad una vecchina ricoverata nel loro reparto le figlie non riescono ad aprire la bocca, rimasta incollata dall'assenza di cure.

Oggi voglio raccontare del primario di Chirurgia di Sant'Omero dottor Vinicio Rizza, un giovane ma eccezionale medico che è una ventata di freschezza e di speranza in un luogo spesso di dolore. Il dottor Rizza, che ha curato negli ultimi giorni mia madre, restituendole dignità e coraggio, col suo fare attento ed umano come solo un medico veramente illuminato sa essere.

Sempre pronto, presente, accogliente, mai avaro di sorrisi e di tempo da dedicare ai malati ed ai loro cari, cosciente che ogni dramma vissuto ha bisogno non solo di flebo e medicazioni, ma di parole. Ogni visita una carezza, ogni giorno un tentativo di lenire, migliorare, curare, sollevare e incoraggiare chi ha di fronte, senza dimenticare l'umanità di un sorriso. Perché come dice il dottor Rizza, chi va in ospedale va per risolvere un problema e chi ha un problema, per primo, ha bisogno di umanità.

Nessun divismo, né protagonismo da camice bianco, il dottor Rizza è figlio e fratello in corsia, tanto da controllare in cartella clinica la data di nascita e fare gli auguri ai pazienti. Lo stesso ha fatto con mia madre, strappandole uno degli ultimi sorrisi. Perché per il dottor Rizza, quando la guarigione è un miraggio lontano, comunque rimane a cuore la persona "che sia un anno, un giorno od un'ora che sia una vita dignitosa". Grazie dottore, eccellenze come la sua dovrebbero essere valorizzate e custodite come tesori rari e preziosi nel nostro territorio, perché le sue mani curano ed ancor di più il suo buon cuore.

Grazie dottor Rizza, anche se la nostra battaglia l'abbiamo persa in poco più di un mese so che nelle sue mani mia madre s'é sentita al sicuro ed ha sperato di poter tornare a casa, com'è stato, per ricominciare a vivere nell'amore.

Lo stesso amore che lei mette nel suo lavoro ogni giorno e di cui le sarò grata per sempre.

Lettera firmata

Commenta

Commenti

Commovente.. grazie

Queste parole riscaldano il cuore ❤️ sapere che ci sono ancora dottori così fa piacere !!!! la professione del medico dovrebbe essere una missione , alcuni lo dimenticano
BRAVO

Dovrebbero essere tutti come il dott. RIZZA, che curano i pazienti con umanita', rispettando con onore e dignità il giuramento di Ippocrate.

Persone speciasli negli ospedali ci sono, ma spesso sono scomodi e li costringono ad andare via,la sua lettera è una bellissima e importante testimonianza, auguri e tanta fortuna x tutto

Leggere queste notizie riempie il cuore. Grazie Dottore

Se i medici amassero e rispettassero le persone come fanno i veterinari con gli animali, di queste lettere se ne leggessero di più. Ma purtroppo non è cosi

Parole bellissime che ricaricano un po' la speranza che dottori così esistano.. Purtroppo noi non abbiamo avuto la medesima esperienza, Teramo come a Milano, abbiamo ancora l'amaro in bocca dopo anni.

A quei medici che credono di essere dei Gesù Cristi scesi dal Cielo, vi ricordo che Gesù era un Santo. Ogni tanto se ne trova uno con umanità ma sono come le mosche bianche.

Ho pianto nel leggere questa lettera. È bello pensare che ci sono medici così. I miei complimenti dottor Rizza. Semmai un giorno ne avessi bisogno spero di incontrarne uno come lei. Complimenti e buon lavoro