Salta al contenuto principale

Conflitto d'interessi al Bim? Minosse porta tutto dai Carabinieri...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Tanto tuonò che alla fine piovve.
Il caso delle due delibere ( 80 e 81) del Bim per un appalto di circa 15 mila euro è stato portato come denuncia esposto dall'ex Presidente, Gabriele Minosse, all'attenzione dell'Arma dei Carabinieri.
Visura Camerale, il cartaceo documentale delle delibere e la dichiarazione in calce che non c'erano conflitti di Interesse.
Tutto il direttivo votò favorevolmente compreso, sottolinea Minosse, il consigliere di maggioranza di Cortino.
Sempre secondo Gabriele Minosse, c'era da registrare anche un precedente con la stessa società della provincia di Teramo che avrebbe nell'amministratore unico un parente del Presidente D'Alonzo ( inferiore al 4 grado)  quando il sindaco D'Alonzo, sindaco di Crognaleto, avrebbe assistito a una determina in cui si affidava un incarico per 46 mila euro.
Un vero e proprio modus operandi secondo l'ex presidente Minosse.
La denuncia in mano ai Carabinieri avrà presto esisti investigativi che dovrebbero chiarire i fatti. 
 

Commenta

Commenti

Invece di andare dai carbinieri pensasse magari a trovare una ditta che fa gli stessi lavori per meno.....

Ma tanto si sa che questi entucci... BIM, comunità montana... (mi ricordo una volta c'era anche l'ENIT, ente nazionale per il turismo, agglomerato di raccomandati nullafacenti), servono a far campare chi come alternativa, avrebbe solo il RDC o il lavoro in nero.