Salta al contenuto principale

Nevica. Chiuso per Incapacità ai Prati di Tivo...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La parola incapace racconta di qualcuno che non è capace di fare qualcosa o di raggiungere un obiettivo.
Nevica come nevicava l'anno scorso ma a parità di apertura, la stazione turistica dei Prati di Tivo è rimasta chiusa ai suoi sciatori da impianti.
Chi non è stato capace?
La politica? Gli Amministratori? Gli Imprenditori?
Intanto, fuori nevica e il caso Prati di Tivo rimane una delle più grandi delusioni e sconfitte sociali della Regione Abruzzo...
 

Commenta

Commenti

Che peccato!! Spero si trovi una soluzione al più presto perchè un posto del genere non può rimanere abbandonato!

Non sono informato sui problemi amministrativi e di gestione, ma qualche considerazione sulla montagna teramana: calci in c... ai tanti che affollano piazzette e panchine, ultimamente anche i social perchè in rete l'ignoranza si vede di meno! calci, perchè abbiamo una tipologia diffusa sopra i mille metri di pseudoturisti che parlano e parlano di potenzialità dei territori, e non vi lasciano nemmeno un euro; parlano di riscoperta dei valori, e sono del tutto estranei ai nostri posti, spesso cacciati col foglio di via dai loro; parlano di resilienza, ignorando il significato corrente e la radice, epoi guardano i nostri ultimi residenti come se si trovassero allo zoo! Gente senza pudore da evitare per far rinascere realmente qualche speranza,

“Buoni a nulla ma capaci di tutto.”
(Leo Longanesi)

Peccato,la montagna più bella dell'Appennino,soprattutto dal nostro versante Teramano,per decenni e decenni gestite in modo mediocre ed in mano a due o tre famiglie del posto, l'unico che forse riuscì a provare a farla decollare turisticamente,fu il maestro di sci PACCANARO, proveniente dal Nord Italia.Poi l' indifferenza di una politica che, non trovandola un serbatoio di voti,ha abbandonato questa comunità a se stessa ed a persone incapaci.

conclusione,nonostante i milioni e milioni di euro spesi dalla società mista,
anche con i soldi di noi contribuenti ,hanno reso da qualche anno,inutilizzato un impianto di risalita meraviglioso e così, la nostra montagna,turisticamente è morta.

Ci sarà qualche politico che si vergogna e magari avrà il coraggio di sparire dalla scena pubblica?? Tra, regione,provincia, comuni ecc...ecc...aspettiamo fiduciosi che accada.