Salta al contenuto principale

Video/ Teramo. Quelle ragazze violentate e drogate che non hanno memoria..."Fate Attenzione". La raccomandazione del Prof. Domenico De Berardis...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Un pugno nello stomaco che sa di verità, di prevenzione, di attenzione, di cura, di vita, di scuola.

Il Liceo Milli, la dirigente Scolastica, Manuela Divisi, la professoressa Monica Casaccia che organizzano all'Università di Teramo, un convengo sulle dipendenze.
Ottimi relatori con l'ouverture del Vescovo, Lorenzo Leuzzi che apriva la vita al rispetto della Unicità verso l'importanza della nostra salute nel complesso sociale.
Dipendere da se stessi.
Il dott. Duilio Divisi, primario chirurgia toracica Mazzini Teramo,  ha incentrato il suo intervento sui danni da tabacco e sull'impotenza di far comprendere l'invalidità di una vita andata in "Fumo".
Il dott. Gaetano Ruggieri,
Dirigente psicologo del Ser.D. asl Teramo, ha guardato in faccia i ragazzi parlando delle dipendenze da gioco in particolare l'online che può raggiungere tutti e facilmente anche all'interno della propria camera.
Il professore Domenico De Berardis, Direttore Dipartimento Salute Mentale Asl Teramo, ha di Lectio Magistralis raccontato agli studenti, il mondo complesso e pericoloso delle droghe, dei loro danni, delle paure, dell'emotività, dell'inadeguatezza, del pericoloso principio attivo di una canna, di quella droga Light, leggera che non esiste, quella semplice canna che può invalidare una vita e di quelle ragazze violentate che non ricordano la violenza perchè dipese dalla droga dello stupro.
Ascoltate https://www.youtube.com/watch?v=c2sia2SB3Ww&t=1s


 

Commenta

Commenti

Le ragazze violentate che non ricordano la violenza subita che ci pensassero prima di assumere alcolici e sostanze stupefacenti del rischio che corrono di concerto con i loro genitori spesso assenti. È facile nascondersi dietro un dito incolpando il presunto violentatore quando i freni inibitori sono allentati. Meno spavalderia fingendosi già grandi con un bicchiere di liquore in mano e una sigaretta in bocca e con vestiti scollati. La verità è sempre in mezzo.

Spesso si parla di ragazzine minorenni e di ragazzi che non hanno scrupoli, come si fa a giustificare certe azioni? Le passa per la testa che forse non sanno di assumere insieme all'alcol anche della droga? E che quelli che succede le può segnare a vita? Se viviamo in questa società di m... è anche per merito di chi giustifica questi delinquenti.

la canna può invalidare? Ma siete seri?