Salta al contenuto principale

Teramo. Antenna 5 G su di un palo di quasi 30 metri nel boschetto di Fonte Baiano. Protestano i residenti per l'alto impatto ambientale e il rischio idrogeologico....

di Giancarlo Falconi
3 minuti

Due anni fa.
Questo era il pensiero del sindaco D'Alberto sulle installazioni delle antenne 5 g.
https://www.youtube.com/watch?v=aGNsDiYlTk0&t=2s
Dopo questa intervista le antenne 5 g sono spuntate a Teramo come i funghi nella zona del Ceppo.
L'ultima quasi neonatale sotto Natale sarà ospitata da un palo alto quasi 30 metri nella zona del Boschetto di Fonte Baiano.
Sicuramente ci saranno tutti gli studi e tutte le autorizzazioni visto l'impatto ambientale e visto che il quartiere teramano, meraviglioso sotto l'aspetto ambientale è attraversato da rivoli ( Fonte) d'acqua.
Vero?


Il Presidente delle Guardie Ambientali per la provincia di Teramo, Gaetano D'Ercole ( Gadit) scrive all'Amministrazione D'Alberto...

la scrivente associazione ha appreso dell’imminente installazione, in Teramo località Fonte Baiano, di una struttura edilizia di “notevole dimensione” volta ad impiantare un’antenna sulla quale verranno apposti più impianti di diffusione di onde elettromagnetiche per la telefonia, anche 5 G, “di rilevante potenza”;
 la struttura che si intende realizzare, per le rilevanti dimensioni (antenna alta circa 27 metri sulla quale verrà apposto un carico ponderale rilevante) richiederà verosimilmente la realizzazione di adeguata platea cementizia e che pertanto tale manufatto modificando l’assetto urbanistico edilizio, presuppone verosimilmente il rilascio di permesso a costruire;
 risulterebbe che tale struttura sia priva di relativa autorizzazione edilizia in quanto gli operatori interessati avrebbero segnalato a codesto Comune tale intervento unicamente mediante SCIA;  l’area interessata è all’interno ovvero prossima a zona boschiva e che pertanto potrebbe sussistere anche tale ulteriore vincolo edificatorio;

 il sito individuato insiste su un terreno densamente alberato e in fortissima pendenza al di sotto del quale si trova una sorgente/vena d’acqua. Sussiste pertanto un rischio idrogeologico, già noto a codesto Ente, che potrebbe avere effetti disastrosi sui palazzi che si trovano a valle del sito individuato;
 nelle costruzioni che si trovano nelle immediate vicinanze del sito individuato vivono numerosi bambini il cui numero potrebbe essere parificato a quello di una scuola. A tal proposito si fa rilevare che sussiste il divieto di installare gli impianti di che trattasi sulle scuole. Si consideri che solo nei due palazzi più vicini al sito dimorano più di 30 bambini;

 il Comune di Teramo ha avviato una procedura di ricognizione degli impianti esistenti sul territorio con contestuale invito alle diverse società di telefonia a prendere parte ad un tavolo tecnico volto ad individuare, in accordo con dette società e nel rispetto dei vigenti presupposti normativi, i nuovi siti di installazione delle antenne.
 l’istanza relativa all’installazione dell’impianto in argomento (località Fonte Baiano) è pervenuta prima della conclusione della suddetta procedura e pertanto deve essere necessariamente esaminata nell’ambito dialogo collaborativo intavolato da codesto Comune.
 I recenti orientamenti giurisprudenziali consentono al Comune di “stabilire anche divieti di installazione su ampie aree purché sia possibile la localizzazione in aree alternative senza che ciò comporti difficoltà di funzionamento del servizio. È compito dell’amministrazione nel confronto con gli operatori, garantire la corretta interpretazione, nei casi concreti, dei criteri stabiliti”.

Pertanto, alla luce delle circostanze sopra esposte, si invita codesto Comune ad individuare un sito alternativo che possa comunque soddisfare le necessità dell’operatore telefonico significando, sin d’ora, che in difetto la scrivente Associazione si vedrà costretta ad avviare nelle competenti sedi ogni utile azione volta a tutelare i diritti dei cittadini che abitano nelle immediate vicinanze del sito individuato. Si resta in attesa di cortese riscontro.


Indovinate?
Dopo due settimane, nessuna risposta da parte del comune di Teramo.
Rimaniamo in attesa di una telefonata.
IL segnale c'è...




 

Commenta

Commenti

Non nel mio giardino.

Poi però tutti a lamentarsi se il telefonino non prende bene....

un motivo, o forse più di uno, ci sarà

Il 5G dovrebbe servire per migliorare la qualità della vita, permettendo una migliore connettività tra enti, strutture, cittadini. Eliminare problemi per la cittadinanza.
Utopia!?!
In Italia esistiamo come carta d’identità, cartacea e elettronica, codice fiscale, Spid, tessera sanitaria... troppa confusione! La mano destra non sa mai cosa fa la sinistra.
Se si sapessero far dialogare bene le diverse istituzioni, allora sì che ci servirebbe il 5G!
Se poi deve servire solo per seguire influencer di dubbia utilità, usare app per non spostare il sederino dalla sedia, tenetevelo pure!
Sulla sicurezza e/o dannosità, non credo faccia più male dell’uso per 18-20 ore al giorno del 4g , comprensivo di danni accertati a livello fisico (cancerogenicità, problemi al sistema muscolo-scheletrico), neurologico, psicologico, e alla sicurezza stradale.
Leggetevi questo:
http://www.arpa.piemonte.it/approfondimenti/temi-ambientali/campi-elett…

Del resto “è la dose, che fa il veleno”