Salta al contenuto principale

Video. Marsilio chiama "Pagliaccio" Pettinari dopo un rimprovero per il ritardo in aula...

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Fonte Vera Tv.

Nervi tesi in consiglio regionale nella prima seduta dopo le elezioni amministrative in 72 comuni abruzzesi, sia in seno alla maggioranza, in particolare per dissidi tra Fdi e Lega e per la mancanza del numero legale di 16 consiglieri, sia tra il centrodestra e le opposizioni di centrosinistra e del Movimento Cinque Stelle. 
Lo scontro più acceso è andato in scena quando nel pomeriggio alla ripresa dei lavori il consigliere pentastellato Domenico Pettinari ha attaccato, per l'ennesima volta, il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, di Fdi, appena arrivato in aula come 16/o consigliere per assicurare il numero legale: "finalmente è arrivato il presidente, stiamo qui dalle 11. Lei deve stare in aula, è il presidente di questa regione, è pagato per stare in aula, qui non stiamo scherzando" - ha tuonato Pettinari. 
"Pagliaccio - ha replicato più volte Marsilio - non devo rispondere alle interrogazioni, rispondono gli assessori, io so dove devo stare". Pettinari ha quindi risposto: "Lo dica agli abruzzesi pagliaccio". I due, nonostante il tentativo del presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, di Fi, di "ripristinare il garbo", hanno continuato a litigare ad alta voce l'uno di fronte all'altro minacciandosi a vicenda di andare in tribunale. Alla critica a Marsilio si è unito il capogruppo del Pd, Silvio Paolucci. 
In mattinata, la seduta era cominciata con l'esame di interrogazioni e interpellanze. Poi, la prima sospensione per approvare, in commissione Bilancio, provvedimenti legati a staziamamenti a favore di Abruzzo Engineering, società in House della Regione Abruzzo, licenziati successivamente dall'assemblea. In quella sede ci sono stati dissidi in seno alla maggioranza con il consigliere regionale di Fi Mauro Febbo che, pur smentendo la circostanza all'ANSA, ha lasciato i lavori della commissione e non ha partecipato alla seduta del Consiglio, costringendo Marsilio a rientrare precipitosamente in aula. Questo dopo che la riunione era stata sospesa nuovamente per la mancanza del numero legale (15 consiglieri), la cui verifica era stata chiesta dalle opposizioni e contestata dalla maggioranza.

Il Video: https://www.youtube.com/watch?v=tI3IuFct0_8

https://www.facebook.com/Veratv.canale79/videos/2922888187962171

Commenta

Commenti

Marsilio vergognaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

La maleducazione non ha appartenenza quando si è in torto non si chiede scusa .....si offende
Però può darsi che lo abbia fatto dando del LEI

Bah.......non mi sembra un linguaggio consono ad un presidente di una regione.
Dare del pagliaccio al.suo un vice presidente,se così,stanno le cose,per essere stato rimproverato per il.uo ritardo,è deplorevole..

Certo che abbiamo dei Rappresentanti proprio validi...
Vorrei vedere il LaZio con un presidente Abruzzese..
O in Lombardia un governatore Campano...
Situazione Grottesca...
La leZione di educazione ne è un esempio....🤮🤮🤮

Teniamoci Marsilio e stiamo zitti, altrimenti la Meloni alle prossime regionali ci candida Michetti.

Stava mangiando una carbonara.....

DALLE STELLE ALLE STALLE
Chi rispetta sa come farsi rispettare, con il rispetto che si guadagna dignità anche per se stessi.
Ai pregiati Pettinari & Marsilio ricordo timidamente che in Regione è sempre opportuno muoversi disinvolti & senza eccessi, possibilmente senza perdere di vista un barlume di eleganza!
Com'è triste Venezia
Aznavour

Dopo che un Consigliere Regionale aspetta per 5 ore, che inizi un Consiglio Regionale, a seguito di mancate presenze in maggioranza (tenute a garantire loro il numero legale), a giustificate proteste del Consigliere Pettinari, del m5s, si risponde da parte del Presidente Marsilio: che tale Consigliere, è un "pagliaccio". Ora, chi ha torto? Sicuramente la maggioranza ed il Presidente, che non hanno garantito il numero, e l'attesa non di qualche mezzora, ma di 5 ore, non può giustificare la maggioranza ed il Presidente in primis, che deve essere sempre presente nelle sedute (salvo altri impedimenti), Comunque, la maggioranza deve garantirsi la maggioranza. E, insultare il Consigliere Pettinari, che giustamente attacca, chiede ragioni, come "pagliaccio". dico che è GRAVE. E da il segno di queste arroganze istituzionali che presto ne vedremo in altre realtà, anche superiori, se non stiamo attenti cari elettori. La caduta di stile di Marsilio è evidente....

Il signorino pettinari come si deve permettere di fare cazziate senza sapere il motivo del ritardo....lo sapeva forse??

Pettinari denuncialo.

Io ricordo abbia più volte ripetuto "non fare il pagliaccio" non "sei un pagliaccio".
Non ricordo però come abbia esordito.
c'è comunque una grande differenza tra il dire "sei un pagliaccio" e l'invitare una persona a non esporsi a fare una figura da pagliaccio.
Più che un insulto lo vedo come un segno di attenzione verso il consigliere.
Se poi si vuole travisare la realtà, liberi di farlo.