Franca Scagliarini & Elisabetta Di Carlo a Tvsei?

5
gennaio
2012
di Giancarlo Falconi

Il direttore di Tvsei Walter Cori ha sciolto le attese, disattese, le sue briglie, corri cavallo, corri,  tra raccomandazioni, genuflessioni, attività di disturbo, la politica, il commercio, la pubblicità, i giovani, i meno giovani, i blogger, i meno blogger, le televisioni nemiche poi amiche, gli editori che si odiano e poi si amano, le guerre proprie fatte combattere dagli altri, ha sorpreso tutti e ha proposto il lancio di due giornaliste. Una professionista la Di Carlo e una pubblicista, Franca Scagliarini.
Due stimate Signore del settore.
Emmelle come il recente per la signora Scagliarini, ma ricordiamo antesignana della televisione teramana e Elisabetta Di Carlo, redattrice de La Città quotidiano e un presente passato nello staff dell'Amministrazione Brucchi. L'offerta è stata fatta nei giorni scorsi e le due first lady della notizia teramana, come da lignaggio, hanno preso un tempo decoroso per la risposta.
Fiato sospeso. Nell'ingestibile attesa della gestazione, volevo congratularmi con la proprietà, la Famiglia Campitelli e con il Direttore Cori, per la scelta, un chiaro anzi, digitale segnale di cambiamento. Coraggio e rivoluzione. Sognatori. Siete fantastici. Stupefacenti.
Un' entrata in grande stile. Il nuovo. Il mio saluto va ai fessi dei cinqueuronetti, che ancora trascorrono il loro tempo a fare riunioni e discutere di tutto e il contrario di tutti, alla fessa di Veronica Marcattili, al fesso di Alessandro Di Emidio, al fesso di Federico Ioannoni, all'ignoranza di Maurizio Di Biagio, la ex Asl Maura del Giovine, il fumetto della Gambacorta, il pennellone di Lombardino, ai genetici ingenui dei fratelli Ricci, alla sciocchina della Serra, al cantastorie Catenaro, alla superficiale della Michini, alla gattara di Valentina Procopio, alla zia Patty, alla disillusa Leuzzo, all'indiano di Fabio Marini,  a quella zigulì o zikuratt, non ricordo, di Alessandra Angelucci, alla più recente sposa Tania Di Simone, alle domande non fatte, agli insegnamenti, alla vita, alla categoria, che merita solo il silenzio. Siete ridicoli....sssssssssssss

condividi

22:10
— del —
6
novembre
2012
SetHoino
I'm sure the best for you [URL=http://minnesota-vikings-jersey.com/jared-allen-limited-black-game-jerseywhite-elite-men-jerseyred-youth-women-jersey/]jared allen red jersey[/URL] to take huge discount UPSYlmQk [URL=http://minnesota-vikings-jersey.com/percy-harvin-limited-black-game-jerseywhite-elite-men-jerseyred-youth-women-jersey/ ] http://minnesota-vikings-jersey.com/jared-allen-limited-black-game-jerse... [/URL]
9:09
— del —
10
gennaio
2012
Marco Mastrilli

Vedi caro Semprepresente, il giochetto delle lauree lascia un pò il tempo che trova: la laurea serve per avere un punteggio maggiore ai concorsi o per avviare una carriera da professionista (arch, ing, dott. etc). per ricoprire altri ruoli funge da semplice (anche se inestimabile) arricchimento tecnico-culturale. Quindi quando parli di soggetti come Marco De Antoniis o Alessandro Di Emidio non stare lì a chiederti se siano laureati o meno (cmq lo sono, con tanto di master e specializzazioni varie al seguito), ma domandati se siano adatti a svolgere il loro mestiere. E siccome se parlassi di sport con l'uno e di giornalismo in senso lato con l'altro, ti verrebbe un mal di testa da ricovero immediato in neurologia, stai sereno. Se proprio vuoi malmenarti le meningi pensa ai NULLAFACENTI che occupano settimanalmente spazio in TV, ripetendo sempre le stesse cose, credendo di contare qualcosa... Dimenticavo: stai sereno anche per quanto riguarda Falconi, perchè anche se fosse un mantenuto, o uno che vive di rendita o un vincitore segreto del superenalotto, hai la certezza da quello che scrive che non è un prezzolato (come qualche giornalaio del nostro territorio). E poi ha condotto più inchieste giornalistiche lui che tutti i tromboni vecchia guardia del giornalismo locale.

7:07
— del —
10
gennaio
2012
Giancarlo Falconi

Caro Pier, la chiamano...natura umana. Io, Natura Morta.

17:05
— del —
9
gennaio
2012
Pier Giorgio
'ngula Falcò.... io pensavo che il mondo peggiore era quello dei musicisti professionisti e non, dove il più pulito (me compreso) ha la rogna... ma nel vostro mondo, giornalisti, giornalai, pubblicisti, blogger, ve le date di santa ragione... la differenza è che noi ci scanniamo facendo prezzi sempre più bassi alla faccia della professionalità... tra un pò per suonare pagheremo noi... ciao Falcò...
15:03
— del —
9
gennaio
2012
Giorgietta

Eccomi Checo, ma chi è quel xxxxxxxx>? Ma perchè mandi in rete questi invidiosi? La smetti con i tuoi esperimenti psicologici? Torna a Forli, fratellino, mio. Qui hai tutto. Ti aspettiamo tutti in fondazione. Poi gli mandiamo la fattura a Semprepresente. Basta giocare con i teramesi, su. Quel sempre presente è un xxxxxxxxxx. L'argomento è un altro e per attaccarti si è attaccato sul lavoro. Penoso e fascista. Siete messi male. Bacioooooo (mi sono trattenuta, visto?)



Ps (non mettere le xxxxx)

11:11
— del —
9
gennaio
2012
matteodigirolamo
falcò, puoi dire alla facciolini e a de antonis di andare via da questo sito? noi vogliamo la gente, no questi cazzo di giornalisti che tirano solo l'acqua a loro mulino, ma che me ne frega di sapere se de antonis è laureato? se pomante è professionista o no?
i fatti si dimostrano sul campo, no coi titoli.
21:09
— del —
8
gennaio
2012
Marta

Il buonismo non mi e' mai piaciuto , cara Marina, e per questo mi piace Falconi. Inoltre e' magro e per niente asservito, il che non guasta. Non ha paura di rimanere disoccupato e non ha una moglie ingombrante e condizionante. Questo fa di lui un professionista perfetto

20:08
— del —
8
gennaio
2012
Elisa
Grande Marina ;)
17:05
— del —
8
gennaio
2012
Marina Serra
Scusate se mi intrometto, ma dopo aver letto tutti questi commenti (tutti validi, ognuno a modo suo), mi sento di fare una piccola riflessione. Niente da dire sulla professionalità della Scagliarini (che conosco di nome) e della Di Carlo (che ho avuto modo di conoscere "lavorativamente" parlando), ma una cosa mi preme sottolineare. Io sono una delle giovani leve citate dal caro amico Falconi (che stimo e apprezzo e lui lo sa), solo a titolo informativo (perchè non è certo questo che conta) sono laureata, iscritta all'Ordine dal 2006, faccio questo lavoro ogni giorno e con la stessa passione di sempre. Non sono professionista, perchè non è facile ottenere un contratto da praticante e non ho 10mila euro da buttare per un Master in Giornalismo. Cerco di fare questo lavoro tenendo presente due principi fondamentali: il rispetto di chi ho davanti (chiunque sia) e il rispetto dei lettori. Ho imparato tante cose in questi (pochi) anni e l'ho fatto guardando chi questo mestiere ha cominciato a farlo prima di me, con quella voglia di prendere solo il meglio delle persone e, soprattutto, con molta, molta, umiltà. Io in questa "guerra tra poveri" non mi ritrovo. Non mi piace la smania della notizia a tutti i costi, non mi piace parlar male di un collega solo perchè ha preso un ufficio stampa o occupa una scrivania o regge in mano un microfono. Se è lì, un motivo ci sarà. Guadagnato o meno che possa essere, saranno i lettori o i telespettatori a dirlo. Credo ancora in un mondo in cui va avanti chi è capace. Sono un sognatrice? Sarà, ma mi preferisco così! Definire i giovani "informatori" locali dei "giornalai" lo considero molto offensivo. Perchè tanti di loro (me compresa) si "sbattono" ogni giorno in cerca di notizie vere, quelle che vanno oltre i giramenti di testa del politico di turno. Non sempre riusciamo nell'intento, è vero, ma dateci il tempo di imparare. E soprattutto, datecene la possibilità.
17:05
— del —
8
gennaio
2012
Marta
Mi dispiace Falconi ma non stai sulla notizia. Elisabetta Di Carlo dopo essersi consultata con la proprieta' della Citta' ha risposto il bel no a Tv6. Franca Scagliarini invece accetterebbe solo se con lei entra anche Almonti nella squadra della televisione di Campitelli. Al presidente la cosa non dispiacerebbe e ci si sta pensando...
15:03
— del —
8
gennaio
2012
Dario
Accorato appello a tutti coloro che attaccano il nobile Falconi (non per il Casato, ma per il Suo essere nobile dentro e fuori sempre...) : EVITATE DI LEGGERLO ... Gli effetti collaterali sono evidenti:
Intolleranza, acidità e rischio di commentare a sproposito!!!
Soltanto chi non lo conosce puo' pensare e commentare simili idiozie (Marta,sempre presente,glauco....).
Ma ci rendiamo conto che una notizia dei due punti viene commentata per ben 4 giorni consecutivi e sicuramente oltre?
Una cosa e' certa : Falconi non ha prezzo....
E' questo il suo difetto piu' grande...
Ed e' lo stesso motivo che ci spinge a LEGGERLO senza riuscire piu' a farne a meno...
13:01
— del —
8
gennaio
2012
Giancarlo Falconi

Io vivo d'amore.

13:01
— del —
8
gennaio
2012
Caro Semprepresente
Marco De Antoniis è laureato. Come la maggiorparte dei giovani giornalisti teramani.
Ps è ora di pranzo, ti leggo in crisi bulimica. Fatti due passi. Su che ti fa bene. Un due e tre. Buon pranzo.
13:01
— del —
8
gennaio
2012
Sempre presente
Scusate lor signori ma chi sarebbero questi giovani giornalisti teramani laureati e professionisti? Se vi riferite ai Pomante e de antoniis so sicuramente che il primo è laureato ma non professionista. Il secondo è pubblicista (sono dati reperibili sul sito dell'ordine dei giornalisti) e non conosco il suo titolo di studio. Altri? Ditemi voi che ne conoscete... Ah, so di uno che professionista lo è diventato pagando 10 mila euro il master all'università di Teramo. Comodo.... Tutti sappiamo che per accedere all'esame bisogna avere un contratto di assunzione, oggi difficilissimo. Pagando di tasca propria invece è diverso. Ma so che di master (fasulli) non se ne faranno più almeno a Teramo.
Grazie falconi x avermi detto di cosa vive. In pratica vive di rendita. Fortunato!
9:09
— del —
8
gennaio
2012
Fabrizia
Non entro nel merito dell'argomento perché non mi appassiona molto, ma sento la necessità di puntualizzare un paio di cose:
@Marta, la laurea purtroppo non costituisce una garanzia di competenza e professionalità: ho avuto collaboratori e interlocutori brillantemente laureati che non erano in grado di produrre un discorso coerente e non conoscevano le regole più elementari della grammatica e della sintassi.
@Sempre presente, Giancarlo Falconi è un libero professionista, è oggettivamente bravo e nel breve periodo in cui abbiamo lavorato insieme ha rappresentato un valore aggiunto per l'azienda in cui presto la mia collaborazione. So che l'indipendenza di questi tempi stupisce, ma mi creda, esiste ancora qualcuno che la conserva gelosamente e vive dei frutti del proprio talento: si fidi e se ne faccia una ragione, così eviterà di affaticarsi troppo cercando di afferrare un concetto che evidentemente le sfugge ;)
8:08
— del —
8
gennaio
2012
La Gina
Questa Marta mi sembra un pò classista. Non è detto che una persona non laureata possa fare soltanto la cameriera (con tutto il rispetto per le cameriere), ci sono tanti somari con lauree e specializzazioni al seguito, quindi per favore, diamoci una regolata!
6:06
— del —
8
gennaio
2012
Giancarlo Falconi

Caro Sempre Presente, la tua domanda è meravigliosa e racconta di una realtà umana al limite del  romanticismo.

Hanno cercato in tutti i modi di trovarmi gli scheletri dentro l'armadio. Un pò come per il buon Francia. Che lavoro faccio per vivere? Non lo so. Sono nato con un talento incredibile per la  scrittura. Fin da piccolo. Per me la penna è un pennello e le lettere sono colori. Le storie sono tele e la vita passa troppo velocemente. Riesco a malapena a pagare l'INPS ogni tre mesi. Vediamo. La chiamano comunicazione. Ti assegnano un compito e poi con la partita IVa fatturi. Ne ho fatte pochissime, ma ne sono fiero. Tu pensa mi hanno offerto molti soldi per vendere i due punti e gestire degli uffici stampa. Ho detto di no. La tua stessa domanda mi è stata fatta di recente da due esponenti politici (PD e PDL) che avevano intenzione di aiutarmi. Che carini. Se avessi voluto concedermi avrei guadagnato più di qualsiasi altro Direttore cittadino di quotidiano. Caro anonimo Sempre Presente, fino a quando non sarò un peso per me stesso, continuerò a scrivere, poi, tornerò ad accettare i lavori fuori dalla mia Teramo, purtroppo.

ps: Mi dimenticavo, sono un nobile. Non scherzo. Decaduto, ma pur sempre un nobile. Fa una ricerca e troverai un Casato. Occhio però ai cognomi.

Un abbraccio forte e ti sono vicino per i tuoi problemi evidenti. Una bella dieta ti aiuterebbe. Forza, dai...


0:12
— del —
8
gennaio
2012
Sempre presente
Domanda x falconi. Che lavoro fai per vivere? È solo una curiosità. Non dirmi il blogger perchè non remunerata. Mi inacerbente sapere quale lavoro ti consente di guadagnare lo stipendio a fine mese. Pubblicherai questo post?
17:05
— del —
7
gennaio
2012
Marta

Vi sfugge ancora qualcosa. Intanto e' davvero un peccato che le giovani leve del giornalismo teramano non siano state prese in considerazione. La maggior parte di loro e' laureata ed ha sostenuto l'esame di stato da Giornalista Professionista. Elisabetta Di Carlo e Franca Scaliarini non sono laureate e la Scagliarini non e' nemmeno professionista.

17:05
— del —
7
gennaio
2012
Domenico Attanasii
Riporto fedelmente dal post de "illettore":

(...) continuo a notare come su questo blog, qualcuno - il signor Francia, il signor Attanasii e tanti nick - continui ad attaccare La Città e D'Amore e ad esaltare Falconi.
Siccome D'Amore ha scritto proprio su questo blog: "a chi sostiene che nessuno potrà mai dare un'occasione a Giancarlo Falconi, ti prego di ricordare quando hai lavorato con me quante censure tu abbia subito e se io ti abbia mai corretto una sola virgola o impedito di scrivere una sola riga e sfido chiunque altro a dimostrare anche una sola riga di censura..." può dire Falconi se sia vero. Perché se è vero, crolla tutto quello che dicono Francia & c. grazie (...)

Signor illettore, il fatto che Falconi non abbia subito torti di censura da parte del giornalista Antonio D'amore, non ha alcuna rilevanza se non quella di onorare professionalmente il direttore de "La Città", in quanto giacciono, ancora e purtroppo, proni dinanzi al potere altri 59.999.999 presunti fruitori di notizie. Potrebbe consultare il link seguente, per farsene una idea:

http://freedomhouse.org/images/File/fop/2010/2010global_regional_ranking...

La mia critica nasce da un video intercettato casualmente sulla rete, visto che non seguo Teleponte, non leggo La Città, Il Messaggero, Il Tempo, Il Centro... non seguo TV6, Tele Teramo. Il filmato, blobbato nel diritto di satira e senza offendere nessuno, è questo:

http://www.youtube.com/watch?v=hitky3FvoYw

Un filmato che non ho gradito. Spero si possano ancora fare dichiarazioni come la mia. Perché? Perché ho percepito nell'intervista, benevolenza gratuita, soggezione, deferenza, domande le cui risposte del Governatore Chiodi sono parse, secondo le mie interpretazioni fallaci, non proprio puntuali.

Signor illettore, confido in Lei e in tutti coloro i quali hanno colto nei miei precedenti post, un'acredine bislacca nei confronti di Berlusconi, Chiodi e D'Amore, di volere promuovere plenaria assoluzione per la mia persona. Inoltre, la voglio rassicurare che sono sempre stato un solerte custode della mia onorabilità e, soprattutto, riguardoso di quella altrui.

Ma a Berlusconi e Chiodi, non gli voto! E se trovo un articolo di D'Amore sul Fatto Quotidiano, m'incupisco e mi pento di avere investito 10 euro per "Servizio Pubblico!" di Santoro.

Si può questo, con il Suo permesso?!

La saluto cordialmente.

Domenico Attanasii
14:02
— del —
7
gennaio
2012
il grande
Per Teramo c'è bisogno di una redazione di qualità, i nomi delle due Signore sono azzeccatissimi, DI SPESSORE! E poi, ma sta Facciolini, prima che faceva? Da dov a scite for?? In quale tv illustre lavorava prima, su quale testata nazionale scriveva? Dai su....qua chi si alza per primo la mattina si mette a fa lu giurnalaje... Una cosa è certa, oggi il futuro è il Digitale Terrestre, e se guardi il Digitale....nella nostra zona, parlando di Televisioni abruzzesi vedi Telemare, Rete8 e, appunto TV6....
Comnque ricordate.....che quando se ne parla, va sempre bene, questo era il loro obiettivo...e i mediocri ci sono caduti tutti!!! Auguri a tutti i giornalisti...tanto mo va di moda il termine!!!!!
13:01
— del —
7
gennaio
2012
Marco Mastrilli
@ Cari Giancarlo, Marco & Luigiaurelio. Non so se ti riferivi a me, cmq chiarisco :-)
Figurati, io entro in punta di piedi nelle questioni che mi interessano ( a meno di attacchi diretti, s'intende), quindi lungi da me il farmi strumentalizzare (cosa avró detto, poi...). Ho semplicemente espresso stima verso quelli che Giancarlo definisce provocatoriamente "cinqueuronettisti" perchè li conosco quasi tutti e ne apprezzo le capacità. Per quanto riguarda l'articolo riferito alla pseudo assunzione della signora Di Carlo (che nn conosco) e della d.ssa Scagliarini (che invece conosco, stimo, apprezzo come professionista tanto quanto come DONNA) nn ho detto proprio nulla. Certo è che se potessi assumerei già domani Franca, anche se il mio mestiere nn c'entra nulla con il suo! Sarebbe cmq un valore aggiunto.
10:10
— del —
7
gennaio
2012
Francesco Di Luigi
Teramo, laboratorio dell'impossibile che diventa... possibile. Ognuno rimarrà al suo posto. E continueranno a farsi i cazzi propri.
9:09
— del —
7
gennaio
2012
illettore
Sono un lettore. Lego tutto: Centro, Messaggero, La Città... il Tempo no, perché ormai non scrive più di Teramo, leggo i siti e leggo i due punti. Ho una mia idea su tutti, ma continuo a notare come su questo blog, qualcuno - il signor Francia, il signor Attanasii e tanti nick - continui ad attaccare La Città e D'Amore e ad esaltare Falconi.
Siccome D'Amore ha scritto proprio su questo blog:

"a chi sostiene che nessuno potrà mai dare un'occasione a Giancarlo Falconi, ti prego di ricordare quando hai lavorato con me quante censure tu abbia subito e se io ti abbia mai corretto una sola virgola o impedito di scrivere una sola riga e sfido chiunque altro a dimostrare anche una sola riga di censura..."

può dire Falconi se sia vero. Perché se è vero, crolla tutto quello che dicono Francia & c.

grazie
9:09
— del —
7
gennaio
2012
uno che sa tutto
@ MARTA: C'e qualcosa che vi sfugge. Il direttore di Teleponte, su incarico dell'editore , avrebbe fatto gia' sapere alle due signore in questione ( Scagliarini e Di Carlo) che semmai accettassero di entrare nella squadra di Tv6 i loro mariti -compagni -soci ( Almonti e D'Amore) sarebbero automaticamente fuori da Teleponte per incompatibilita'. Ora sara' interessante vedere chi vincera' in famiglia

CHE CAZZATA...HI HI HI HI.... MA COME VE LE INVENTATE??? AH AH AH AH AH AH
7:07
— del —
7
gennaio
2012
Cari Giancarlo, Marco& Luigiaurelio

 Cari Falconi & Pomante, rimanete distanti, così. Tu Falconi continua etereo dal palco e divertiti con l'unico giornale quotidiano di questa regione stanca, disperata e violentata dai poteri forti. Giancarlo, torna a scrivere. E sai di cosa parlo. L'avevi promesso e a 40 anni mi sembra ora. Che ne dici, facciamo il botto quest'anno? Tanto a Teramo ancora non hanno capito nulla di te. ;) Tu Pomante continua a fare il Prof all'Università e a mostrare il tuo talento televisivo. Lo sanno tutti che sei l'unico animale televisivo regionale e non credere che sia una bella cosa. Tu Marco non farti usare. Non permetterlo. Saresti bruciato. caccia le palle. Non entrate in queste beghe volgari. Che tristezza.

1:01
— del —
7
gennaio
2012
Giò
Cara Marta....le due Signore verranno sicuramente retribuite entrambe...cosa che dall'altra parte per soci e mariti dubito che sia stato adottato lo stesso trattamento....(basta guardare la pubblicità della tv stessa sul quotidiano "locale"). Si può sempre scoprire se esistono dei contratti di collaborazione con tanto di retribuzione!!! Ma scordatelo..... Quindi non è escluso che un dì passeranno tutti dall'altra sponda. E poi vuoi mettere...la visibilità regionale da quella che è diventata da qualche settimana (causa passaggio in digitale nelle marche) solo cittadina?? E da non sottovalutare che tra 4 mesi l'Abruzzo tutto, passerà in digitale...su qualche quotidiano si è letto che si sono pure lamentati con il ministero, quelli di quella tv che non si vede più in tutta la Val Vibrata. Invece di pensare a passare in digitale... mha!!!!!!!!!
22:10
— del —
6
gennaio
2012
L Antonio
Se è vero quello che srive Marta... Ecco perchè la necessità di una pausa per una complicata riflessione. Vuoi vedere che i mariti e i compagni-soci seguiranno le mogli e le compagne-socie?
19:07
— del —
6
gennaio
2012
Marta

C'e qualcosa che vi sfugge. Il direttore di Teleponte, su incarico dell'editore , avrebbe fatto gia' sapere alle due signore in questione ( Scagliarini e Di Carlo) che semmai accettassero di entrare nella squadra di Tv6 i loro mariti -compagni -soci ( Almonti e D'Amore) sarebbero automaticamente fuori da Teleponte per incompatibilita'. Ora sara' interessante vedere chi vincera' in famiglia

19:07
— del —
6
gennaio
2012
giuseppe melo
Tutto ciò a conferma che la vera politica non esiste più.Solo interessi personali...oggi centrodestra,servono il centrodestra...domani centrosinistra,serviranno il centrosinistra.L'importante è che portino entrate,pubblicità...l'informazione obiettiva può attendere!Ricordiamocelo tutti quando si tornerà a votare.Comunque a tv siamo messi proprio male!Falco',immagini cosa combinerebbero se mettessero su un programma politico?
18:06
— del —
6
gennaio
2012
luciano di marco
ma ancora a giò vi rivolgete? vi ho detto che è daniela facciolini che parla. siccome se salta cori, lei salta, deve difenderlo a tutti i costi.
campitè, sei un grande dirigente ma un pessimo proprietario di televisione.
state facendo pena!
18:06
— del —
6
gennaio
2012
Maria Antonietta Concetti
Volete un consiglio. Fatevi pubblicare da Falconi un suo racconto che ha scritto a Forlì, un pò di anni fa. Per gioco, per disperazione una casa editrice, piccola, ne fece mille copie, anzi, 999, con il passaparola, andarono a ruba. Poi lui, stronzo, ne regalò diritti e altro a un'associazione no profit. Non posso dirvi altro. Diciamo che l'associazione ha firmato tutto, il presidente, e diciamo che la sede è molto bella. Falconi è il più grande fesso, che io abbia mai conosciuto. Con un'onesta che sfiora il masochismo. Voi, siete solo dei vigliacchi perchè non vi firmate e l'offendete, ma se non è cambiato, vi legge con il suo bicchiere di vino rosso e sorride. Senza rancore. Non è capace. Superiore.
18:06
— del —
6
gennaio
2012
boletus
@giovanni clemente,
@glauco,
Falconi non è un quaquaraqua', ecco il motivo per cui non lavora per "certe" testate giornalistiche.
Testate dove invece "lavorano" solo i leccaculo.
Per quanto riguarda il PD, PDL, ecc., ecc., riascoltate la vecchia canzone di Rino Gaetano "nun te reggae più.
17:05
— del —
6
gennaio
2012
Simbr li sold
Cara "Giò", tu parli di invidia fra giornalisti o aspiranti tali, ma chi è più incazzato per quanto accade è chi subisce ogni giorno il monopolio della cattiva informazione che spesso si traduce in disinformazione, a livello di paesotto o ancora peggio sull'intero territorio regionale, ma questo tasto per te sembra sconosciuto, oscuro, sei troppo attratta dalle forme e non dai contenuti, più ancora dagli euri, dai tanti euri....
Meglio, molto meglio una dignitosa povertà e un'informazione che sia tale fatta col passaparola.
Meglio, assolutamente meglio un semianalfabeta che racconta una verità dimenticando punteggiature e accenti, che un affermato giornalista iscritto a tutti gli albi e superpagato al servizio di un facoltoso padrone. Ti è comprensibile il concetto? Ti saluto.
17:05
— del —
6
gennaio
2012
Giancarlo Falconi

Caro Glauco, la stessa cosa, che mi è stata detta a Giulianova. " Falconi è di destra, i suoi pezzi sono pagati dal PDL".

Ho due stipendi. Uno pagato dal PD e uno pagato dal PDL.

Chiamatemi compromesso storico. Papà Berlinguer e Moro....


Ho vinto....;)

17:05
— del —
6
gennaio
2012
Glauco
Ma la smettiamo con questa fregnaccia che Falconi è il paladino della libera informazione? Falconi fa solo da megafono a una manica di esaltati senz'arte nè parte e a tutti i suoi amici del Pd e dell'Idv. Anche i suoi pezzi sono pilotati ad arte se non ve ne foste accorti.....e hanno una regia precisa. Cambia solo il colore, ma anche lui indossa una canotta....
17:05
— del —
6
gennaio
2012
luciano di marco

Cara Daniela, io purtroppo, o per fortuna, mo chiamo così e marco mastrilli sa bene chi sono. il mio non è astio ma solo giudizio di un telespettatore che ama la sua città. Secondo me devi stare buona e mi meraviglio del fatto che ti fanno parlare cosi contro una persona che ha solo espresso un' idea. ho detto qualcosa di sbagliato? hai visto mai una persona che fa le interviste con gli occhiali da sole? neghi di prendere una cifra che fa rabbrivvidire tutti i giornalisti che conosco per lavorare 80 ore al giorno? ti prendonono in giro tutti e continui con il tuo atteggiamento. Per favore inizia a crescere e come dice qualcuno a pulire la scrivania a la dicarlo certo se la Di Carlo dice no a Cori io impazzisco!che figura di m... su Falconi: è di un altro pianeta, tutti lo sanno e per questo lo fanno fuori.

15:03
— del —
6
gennaio
2012
Befana
Domanda da Befana, ma se la Di Carlo e la Scagliarini dovessero dire di no a Cori, vi immaginate che figura stonati?
14:02
— del —
6
gennaio
2012
Giovanni Clemente
Falconi è Falconi. Tre mila redazioni e tre mila fughe. Ci sarà un perchè? Risulta alla mia lettura evidente che le sue notizie, chi le comprende, vede che anticipa ogni giorno quotidiani e telegiornali, fanno di lui, un professionista mancato. Teramo ambiente addirittura anticipato gli arresti di un anno. L'ultimo Robimarga con sei mesi di anticipo. E poi tanto e molto altro. Allora perchè non lavora in un quotidiano locale o in una televisione? Colpa sua? Colpa del sistema?
Mi guardo intorno e vedo facebook. La Facciolini parla di uva, volpe. Risponde come se fosse la portavoce di Tvsei facendo figure barbine. Se fossi in Campitelli le ordinerei il silenzio stampa. Cara Daniela, se dovesse arrivare la Di Carlo, lustra la scrivania e riprendi i caffè. Io continuerò a leggere e guardare la televisione. al limite userò il giornale per i canarini o cambierò canale. Per fortuna lavoro a Pescara.
14:02
— del —
6
gennaio
2012
Daniela
Signor Luciano Di Marco vengo chiamata in causa due volte e non ne conosco il motivo, tra l'altro anche per un commento che mi risulta a firma di un certo Giò e che non ho assolutamente scritto io. Quale sarebbe poi il motivo di tanto astio nei miei confronti? Boh...da capire sinceramente...per il resto quello che ha scritto, compreso le offese, si commenta da solo e non ho intenzione di scendere al suo livello. Infine sul fatto che il suo non sia un fake ma un nome reale ho i miei buoni e sani dubbi. Tante belle cose.

Ps: peccato non gradisca i miei Rayban, io li adoro invece ;-))
14:02
— del —
6
gennaio
2012
Sempre presente
Un giorno mi spiegherete, se lo vorrete, perchè non riuscite mai voi teramani (lo sono anch'io ma non mi ci sento) a guardare oltre il tordino. Il direttore di Tv6 si chiama Ferruccio Benevenuti e non Walter Cori. I giornalisti di Tv6, magari non li ricordo tutti, sono: Benvenuti appunto, Carmine Perantuono, Tony Zitella, che fanno cronaca, Massimo Lupacchini, Andrea Costantini e Forcella (non ricordo il nome), tutti bravissimi soprattutto quelli dello sport. Nessuno di questi mi risulta essere teramano e si vede (è un compliemnto. Questi sono giornalisti assunti dall'emittente fin da prima che arrivasse Campitelli e sono "regolari" nel senso che da quanto mi risulta hanno contratti veri da giornalisti veri (pagati il giusto). La Facciolini che invece è teramana ed è arrivata in seguito non è iscritta a nessuno ordine dei giornalisti e credo, anzi ne sono sicuro, non sia assunta come giornalista a Tv6.
Tutto questo per dire che parlate di Cori e logiche teramane ma a me piace Tv6 proprio perchè si occupa poco di Teramo. Tv6 ha il suo pubblico non a Teramo, dove Teleponte giustamente domina, ma sulla costa, nell'area metropolitana con Pescara al centro. Se proprio devo dire qualcosa di polemico è a Campitelli: "Perchè questa inversione di tendenza e puntare sulla chiusa e minuscola Teramo? Non era meglio continuare a dedicarsi alle migliaia e migliaia di persone della costa metropolitana coin tutto ciò che ne segue anche in termini economici?"
E' questo che non capisco, altro che Cori, Scagliarini, Facciolini che sembra uno scioglilingua. Falconi che ne pensi?
12:12
— del —
6
gennaio
2012
Marco Mastrilli
Il mio commento è una summa tra boletus e il caro luciano di marco (nn mi sorprende che Tu metta nome e cognome, altro livello d'uomo rispetto ai nicknamemisti):
Ingiusto sentirsi superiori a TP, soprattutto quando a parlare è una tv neonata ancora in fase di rodaggio( da casa mia, c/da Specola, nn riuscii a vedere teramo - san nicolò, nè da terrestre nè da digitale), quanto è vero che spesso a TP si sfocia nel varietà ( azzeccatissimo paragone Boletus...) e nella inutile ridondanza...
Ma per tornare all'articolo del Falco, in Altre Parole che dire: sapessi quanto è bello e (soprattutto) educativo leggere Voi cinqueuronettisti, come è bello vedere volti nuovi nelle tv locali (come il preparatissimo Marco De Antoniis).
10:10
— del —
6
gennaio
2012
Hammurrabbi
Mi sembra che a Teramo si era sotto l'effetto di un'azione di anestesia locale che copriva, tra il detto e non detto dei portici, i legami dell'una o dell'altra parte. Ritengo che gli attuali “affaire” di mogli, cognati, padri ...figli ... nipoti .. .... sono il frutto di un'azione punitiva (o preventiva) in cui si mettevano in piazza affari di famiglia a cui si risponde con altri affari di famiglia, scoperchiando il pentolone ermeticamente sigillato di certe notizie. L’unica azione positiva è che finché gli operatori dell'informazione continuano ad accapigliarsi tra loro qualche verità in più esce fuori ….. ma a questo punto pongo alcune domande a voi professionisti: una verità detta in maniera strumentale può essere utile in senso assoluto? Ovvero, quando i divulgatori ed i loro strumenti perdono credibilità non si delegittima anche la notizia? Non si corre il rischio di diventare esclusivamente strumento della lotta politico-amministrativa? Dobbiamo smettere di leggere i giornali (anche on line), non vedere e sentire certe trasmissioni, al fine di evitare di rafforzare certe azioni che evidentemente non rispondono a logiche di verità ed informazione utili ai cittadini? (scusate le domande sono diventate quattro …. ma da parte di un lettore potrebbero e dovrebbero essere anche di più)
Ringrazio preventivamente dell’attenzione che vogliate rivolgermi per un’eventuale risposta.
10:10
— del —
6
gennaio
2012
luciano di marco
Cara Giò Facciolini (io ci metto nome e cognome, fallo anche tu per favore), ma ti rendi conto di essere ridicola? perchè tanto odio verso teleponte che è la prima televisione da una vita? se sei una vera professionista, le critiche le devi prendere ed incassare. scusa una domanda. ma i quattro canali quali sarebbero? quello chiuso da mesi o quello dove fate vedere ogni giorno le partite di calcio parrocchiale?
perchè dovremmo rosicare? per lo stipendio misero che prendi e che giustifica la tua presenza a tvsei?
almeno cerca di avere le palle e firmarti anche qui e non solo su facebbokk.
almeno qualche tua collega lo ha fatto.
ricorda che sei tu a dover mangiare le pagnotte e pure tante per arrivare a livello della brava dorotea o di quella rospa simpatica di serena.
umilta umilta umilta umilta. la conosci cara daniela questa parola?
10:10
— del —
6
gennaio
2012
boletus
Giancarlo, falli rosicare tutti. Tu fai giornalismo con inchieste e denunce. Gli altri fanno "varietà".
Se ci aggiungi la coppia Giovannozzi-Bruno sembra di essere alla trasmissione della De Filippi "Uomini e Donne" .
1:01
— del —
6
gennaio
2012
Giò
che invidiaaaaa!!! Rosicano tutti, i cari giornalisti teramani, anzi, giornalai più che giornalisti. Ne dovete mangiare ancora di pagnotte prima di definirvi tali. Per fare Tv ce vo li pall...ma dove volete andare con 4 articoli che avete scritto. Qua si parla di fare una televisione con la T...non fatta di stagisti come da qualche altra parte. Qui si parla di 4 canali in digitale già da parecchio tempo, non di segnale oscurato in mezza vallata. Qua si parla di INVESTIMENTI... euriiii..... Qua si parla di dare informazione alla Regione tutta, non solo a qualche paesotto intorno a Teramo. Rosicate gente, rosicate e cercate di scrivere.... meglio però!!!!
23:11
— del —
5
gennaio
2012
Lalla

Non e' certo una storia questa che umanamente mi appassioni piu' di tanto (generazioni troppo diverse) anche se mi provoca sul versante politico. Un monoblocco monocolore dell'informazione televisiva si prospetta in citta' : Teleponte e Tv6 condotte da mogli e mariti, ( D'Amore - Di Carlo ) , soci e compagni (Scagliarini -Almonti) , editori ( Di Francesco , Campitelli, Falone) e direttori trasparenti (Giovannozzi e Cori) . Tutti sotto lo stesso segno del comando. Oddio, voglio fuggire da questo posto!

23:11
— del —
5
gennaio
2012
normalizzazione
Mi sento di chiedere scusa a Walter Cori che considero una persona brava, capace, libera e consapevole, per il tono del mio commento dovuto alla delusione per un'occasione persa, un'aspettativa mancata. Mi rendo conto che la proprietà di un'emittente ha la sua importanza nelle strategie e nelle scelte dei giornalisti e del personale, ma pur non dubitando della professionalità di Franca Scagliarini e Elisabetta Di Carlo che sul piano personale mi suscitano simpatia, anch'io mi sarei aspettato qualcosa di diverso, un progetto più audace e ambizioso. Mi auguro sinceramente di essere smentito dai fatti e sarò felice di chiedere di nuovo scusa.
22:10
— del —
5
gennaio
2012
luciano

Caro falconi mi esprimo in modo diverso. i giovani di tv sei quali sarebbero? la facciolini che non ha idea di cosa è il giornalismo in tv? la televisione si fa con gente nuova, frizzante, non con gente che fa i servizi con gli occhiali da sole. a me la di carlo non piace per niente ma se devo dire la posso anche preferire a mi chiedo una cosa sola? quelli che l'anno scorso hanno scelto tv sei andando via da teleponte, si rendono conto della cazzata che anno fatto? mi meraviglio di pomante (per me il numero uno a teramo), di falzon, di d'aloisio, del figlio di marco marco (bella presenza), gente in gamba. che pensavano che cori gli faceva i ponti d'oro? Caro giancarlo visto che io non li conosco, potresti chiederglielo tu perche hanno fatto questa mattità? un ultima cos a a campitelli: SVEGLIATI!

21:09
— del —
5
gennaio
2012
Giovanni Clemente
Cori stonati. Senza parole. Premetto a me la Di Carlo piace come scrive. Poi vi dirò Falconi e la Di Carlo era bravi. Ho molti giornali con i loro pezzi. Giusto?
20:08
— del —
5
gennaio
2012
Premiata Ditta

Intanto una delle due da facebook invita tutti a lanciarsi da un ponte...perchè nella lista dei fessi non ci sarebbe nessuno alla sua altezza...reale!

20:08
— del —
5
gennaio
2012
Giancarlo Falconi

Che ridere, Antonio D'Amore conduttore cuoco...;)

20:08
— del —
5
gennaio
2012
Lalla
C'e un'altra cosa ancora piu' triste di quelle che ho prima evidenziato. Non devo ricordarvi che Franca Scagliarini e' la socia di Ro berto Almonti (conduttore di trasmissioni a Teleponte) ed Elisabetta Di Carlo e' la moglie di Antonio D'Amore (conduttore cuoco di Teleponte). La sintonia delle due, anzi dei quattro, con Tancredi e' a dir poco ovvia. Mi sembra che questa citta' invece di andare avanti vada indietro. Che ne dite popolo dei due punti?
20:08
— del —
5
gennaio
2012
Giancarlo Falconi

Caro Luciano, io non censuro, cerco di far rimanere il tutto in una certa eleganza. Puoi riscrivere il concetto du Daniela in maniera più gentile? Grazie.

19:07
— del —
5
gennaio
2012
Giancarlo Falconi

Zeta era semplicemente un'informazione raccontata con  Ironia. I nomi sotto sono tutti amici che avrebbero meritato una possibilità perchè giovani, perchè freschi, perchè nuovi, perchè bravi, perchè preparati...tanto quanto le due Professioniste. Tutto qui.

19:07
— del —
5
gennaio
2012
Zeta
A parte che mi sembra una guerra privata fatta di cose dette e soprattutto non dette, ringrazio LALLA per il suo commento, almeno ho capito di che/chi si parla. Se si voleva denunciare qualcosa si sarebbe potuto fare con più schiettezza. Ha ragione SETH poco sotto, sembra un articolo per addetti ai lavori. E non ditemi che devo informarmi prima di scrivere un commento, un buon articolo racconta tutto, premesse comprese, senza bisogno di cercare riferimenti come la caccia al tesoro.

Una buona serata.
19:07
— del —
5
gennaio
2012
Francesco Di Luigi

Seconda provocazione! Campitelli + Cori = La bella coppia! Camptelli + Cori + Scagliarini + Di Carlo = Poker..... Ma Ferruccio Benvenuti, che dice?

18:06
— del —
5
gennaio
2012
luciano
PER DARIO. MA TI SEI FUMATO QUALCOSA? PASSI PER LA SCAGLIARINI MA LA DI CARLO NO!!!PRIMA DI SCRIVERE, INFORMATEVI!
18:06
— del —
5
gennaio
2012
luciano
caro falconi, sei scorretto! il mio messaggio non è come hai scritto tu. hai paura di metterti contro la facciolini. vergogna, parli di libertaà e censuri come tutti gli altri.
18:06
— del —
5
gennaio
2012
dario
desidero intervenire nuovamente dopo quanto ho letto.Si parla di informazione non asservita e nulla si puo' dire della professionalità della Scagliarini e della Di Carlo.
18:06
— del —
5
gennaio
2012
Lalla

La cosa triste di questa scelta professionale che vuole attuare Tv6 non e' tanto per l'età' avanzata delle future conduttrici quanto per la loro indiscussa vicinanza al potere. Emmelle con Scagliarini organizza convegni per l'Asl di Teramo, gestisce l'ufficio stampa dell'Istituto Zoo Profilattico ed ha organizzato tutte le campagne elettorali di Venturoni. Elisabetta Di Carlo ha  sostenuto Brucchi sindaco e dal quale ha poi ottenuto l'ufficio stampa del Comune. Quale garanzia di indipendenza e imparzialita' possiamo aspettarci da tali "professioniste"? La scelta andrebbe considerata sotto questo aspetto e cassata

18:06
— del —
5
gennaio
2012
luciano

I giovani di Tv sei? Caro Giovannozzi. continua pure a dormire sonni tranquilli!

17:05
— del —
5
gennaio
2012
Giancarlo Falconi

Caro Anonimo-Daniela, mai chiesto nulla al Presidente Cmpitelli o Walter Cori, mai fatto la fila fuori...non ne ho bisogno. Un abbraccio;)

17:05
— del —
5
gennaio
2012
Mimmonet
Ma la droga.... dove l'hai presa???? Dev'essere buona!!!! Anzi ottima!!! Se l'avesse provata il gran poeta del Re Lucertola penso che ne avrebbe scritti di testi in più!!!
17:05
— del —
5
gennaio
2012
seth
scusa Giancarlo......all'inizio la notizia è chiara ma poi il tuo articolo è ancora per tutti o solo per gli addetti ai lavori ?.......scusa l'ignoranza...ma l'ultimo pezzo non l'ho capito......perchè sarebbero dei fessi quelle persone? cosa sono i cinqueuronetti...........che sarebbe che fanno riunioni.........mi puoi spiegare gentilemente? Grazie........comuqnue voi giornalisti teramani siete proprio una razza particolare.....se ne salvano pochi......comunque ti rendo merito che al contrario di altri fai i nomi......di chi criticare.......
Grazie di nuovo e scusa ancora per l'ignoranza......spero di avere una risposta..........buona serata......
17:05
— del —
5
gennaio
2012
trudy
ma no che dite è la linea verde che impera sulla tv di campitelli tra un po per i commenti politici assumeranno cumbà rocco , per lo sport il giovane bomber puligoal , per la musica nino dale , come comico il buon vincenzo cimini ,e italo di giovanni al posto di cappellacci ....con tutto il rispetto dovuto a questi "giovani" teramani .....
17:05
— del —
5
gennaio
2012
normalizzazione
Caro Walter Cori, se volevi rifare Teleponte bis ti comunico che l'originale mi basta e mi avanza, inoltre il segnale è di gran lunga migliore di TV6.
Hai perso una grande occasione per fare qualcosa di importante e veramente diverso dall'esistente allineato e coperto, ma probabilmente non hai questa facoltà e questa libertà, perchè altrimenti dovrei pensare che tu stesso sei entrato a far parte dello staff di telebrux e dei suoi referenti. Però anche in questo caso che tristezza!... L'importante è portare a casa la pagnotta.
Ma ti rendi conto che sarebbe bastato anche solo un Giancarlo Falconi (se avesse accettato) a ridare voce e speranze a noi poveri cristi che non abbiamo ascolto? Non ti risulta che i poveracci come me, che posseggono a malapena un televisore, sono molto, ma molto più numerosi dei pochi facoltosi, dei loro rappresentanti politici e dei loro mass media asserviti? Walter... che "sola!"
17:05
— del —
5
gennaio
2012
Francesco Di Luigi
Vediamo se me lo pubblichi.
Il lancio di due giornaliste professioniste!!!
Lancio da dove? Proporrò a Castelli di sostituire il lancio del piatto dal Belvedere, il giorno di Ferragosto. Te lo immagini che botto???
16:04
— del —
5
gennaio
2012
Lalla

Ma perche' indignarsi tanto per questa scelta? La signora Scagliarini ha l'età di mia nonna e la signora Di Carlo quella di mia madre. E allora? Tv6 ha scelto di darsi un volto adulto

16:04
— del —
5
gennaio
2012
dario
scelta indovinata, Franca è in grado di dare molti punti alle giovani rampanti che ci sono in giro, ha garbo e intelligenza: Elisabetta, qualcuno ricorda,era la giornalista rampante di Tar Aquila. Entrambe hanno passione, competenza e stile. Sono certo, malgrado il tanto gran da fare dell'altra tv teramana, un'aria nuova è in arrivo
15:03
— del —
5
gennaio
2012
Zeta
Io sono un aquilano trapiantato a Teramo e purtroppo non capisco cosa è successo. Dall'articolo intuisco delle frecciatine sarcastiche ma nulla più. Qualcuno può spiegare con un commento che cappero è successo? Dico sul serio, non sto facendo il polemico o lo spiritoso.
Grazie, saluti.
14:02
— del —
5
gennaio
2012
anonimo
Mah...ma non è che stavolta rosichi un pò falconi? Niente Teramo channel for you ;-))
14:02
— del —
5
gennaio
2012
marco
tvsei: una pena! ma del resto con un direttore del genere che ti aspetti?
Persona triste che rispecchia una televisione triste. E questi volevano fare concorrenza a teleponte.
ma campitelli dorme?
14:02
— del —
5
gennaio
2012
roberto tulli
Campitelli sta diventando ridiciolo e mi sta deludendo. ancora vanno in giro certe persone. cavolo ma con tutti questi giovani, ancora queste vanno in giro?
e non andavano bene quelli che ha o i giovani che scrive falconi che a me sta sul cazzo ma che stavolta ha dscritto la verita??????????????''
sveglia campitelli, ti stanno rigirando!
14:02
— del —
5
gennaio
2012
elisa
Potremmo dire che vivere rettamente sia la giusta regola spirituale in un mondo di avidità, odio e delusione. La nostra nuova definizione di successo non sta in ciò che abbiamo guadagnato e nemmeno in come ‘l’abbiamo avuta vinta’. Il nostro successo consiste nel come abbiamo agito onestamente, amorevolmente e realmente......
14:02
— del —
5
gennaio
2012
Io
già....sssssssssssiiiiiiiiiilllllllllleeeeeeeeennnnnnnnnnzzzzzzzziiiiiiiiiiooooooooooooooo ! Bha!!
13:01
— del —
5
gennaio
2012
Dario
....e a noi fessi che ancora continuiamo a guardare questa tv.....

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.